rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Incidenti stradali Aprilia

Dramma a Padova, pullman di ex carabinieri si ribalta sull’A13

Era partito da Aprilia per partecipare al raduno nazionale dell'Arma a Jesolo. Il bilancio del drammatico incidente è di 5 morti. 18 i feriti, ma 7 sono in gravi condizioni

Cinque morti e diciotto feriti. È il bilancio di un terribile incidente stradale avvenuto intorno alle 7.50 di questa mattina a Legnaro (Padova): un pullman turistico partito nella notte da Aprilia è finito fuori strada al km 109 dell’autostrada A13 Bologna-Padova.

Trasportava 22 persone più l’autista: la comitiva, composta quasi totalmente da carabinieri in pensione, era destinata a Jesolo, dove si sarebbe dovuto tenere il XXII raduno nazionale dell'Arma.

LA DINAMICA DELL'INCIDENTE -  Stando a una prima ricostruzione dei fatti fornita dalla polizia stradale, il pullman è finito autonomamente fuori strada su un fianco in un canaletto d'acqua. L'automezzo è ruzzolato nella scarpata per una cinquantina di metri prima di fermarsi su un fianco, lungo l'argine di un canale di scolo. Secondo quanto si è appreso, il mezzo stava iniziando la salita di un cavalcavia quando ha deviato improvvisamente percorso, per cause in corso di accertamento, sfondando le barre di protezione e rotolando giù per la scarpata.

IL VIDEO DEL PULLMAN RIBALTATO

LE VITTIME - Le vittime accertate sono 5, 4 di Aprilia e una di Frosinone; si tratta di Roberto Arioli, 57enne presidente dell'Associazione ex Carabinieri di Aprilia - sua moglie doveva partire con il gruppo ma per un malore questa mattina ha deciso di rimanere in casa -, Gianfranco Gruosso 47 anni, Settimio Iaconianni di 75 anni, e due donne, MAria Aronica di 57 anni e MAria Domenica Colella di 64 anni (Frosinone).

I FERITI -  Sono diciotto i feriti 5 dei quali in gravi condizioni, tutti trasferiti presso i diversi ospedali venti. Sono 12 i feriti ricoverati presso il nosocomio di Padova, 2 ad Abano Terme, uno a Piove di Sacco, 2 a Monselice e uno a Treviso. All'ospedale di Padova, secondo quanto si è appreso, è atteso l'arrivo del Comandante generale dell'Arma, Generale C.A. Leonardo Gallitelli, che farà visita ai feriti e renderà omaggio alle vittime.

L'ELENCO DEI PASSEGGERI - VITTIME E FERITI

LE ANALISI DELLE CAUSE - Sono tre le ipotesi formulate dalla Polstrada sulle cause dell'incidente: un guasto tecnico, un colpo di sonno dell'autista o un malore. "Quest'ultima, al momento, è la meno accreditata" ha sottolineato all'Ansa il comandante della Polizia Stradale di Padova, Carmine Tabarro. L'incidente è avvenuto dopo circa nove chilometri dall'immissione nello svincolo che dalla A13 porta alla A4, un centinaio di metri prima di una curva e del ponte di San Nicolò. Il tratto della A13 è stato chiuso per circa due ore per consentire ai mezzi della Polstrada, dei Vigili del Fuoco e alle ambulanze di muoversi liberamente. Il pullman, secondo quanto riferito da Tabarro, era partito nella notte da Aprilia e aveva fatto una tappa circa un'ora prima in un'area di servizio del bolognese. A chiamare i soccorsi sarebbero stati alcuni passeggeri, gli unici testimoni di quanto è accaduto. Sembrerebbe infatti che al momento dell'incidente non ci fosse alcun veicolo in transito su quel tratto di autostrada.

LUTTO AD APRILIA

I SOCCORSI. Per il recupero delle altre persone e per verificare che non vi siano corpi intrappolati nella parte sommersa del mezzo sono al lavoro gli uomini del nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco.

IL RECUPERO DEL PULLMAN

I carabinieri hanno messo a disposizione dei familiari dei feriti e delle vittime un numero telefonico per l'emergenza: 049.8525582.

CORDOGLIO DELLE ISTITUZIONI

MESSA IN RICORDO DELLE VITTIME A JESOLO

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dramma a Padova, pullman di ex carabinieri si ribalta sull’A13

LatinaToday è in caricamento