rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Il bilancio

Infortuni sul lavoro, numeri drammatici nel 2022: 5mila in provincia di cui 12 mortali

L’intervento del segretario regionale dell’Ugl Valiani e del presidente di Alis Wysocki: “Sul fronte degli incidenti e infortuni sul lavoro poco o nulla è cambiato in un anno; la speranza di un ero cambiamento nel 2023”

Numeri drammatici nel 2022 nel Lazio e nella provincia di Latina per quanto riguarda gli infortuni sul lavoro. Ad intervenire sono il segretario regionale dell’Ugl Lazio Armando Valiani e il presidente di Alis, Associazione Lavoratori Italiani per la Sicurezza, Wladymiro Wysocki.

“Un nuovo anno è cominciato e a 12 mesi di distanza dal mini aggiornamento del testo unico della sicurezza, D.Lgs. 81/08 e s.m.i., sul fronte degli incidenti e infortuni sul lavoro poco o nulla è cambiato - commentano -. Eravamo in attesa, entro giugno 2022, dei nuovi accordi Stato-Regione per la formazione nei quali veniva presa in considerazione anche quella per i datori di lavoro. A gennaio 2023 siamo ancora in attesa, aspettando tra ritardi e lungaggini burocratiche eccessive. Intanto però sui posti di lavoro – sottolineano Valiani e Wysocki – si continuano a registrare, ormai quasi quotidianamente, infortuni, malattie professionali e incidenti mortali. Dall’altra parte continuiamo a sentire le stesse dichiarazioni, gli stessi commenti ma mai una vera azione preventiva di controllo sui posti di lavoro, mai una vera collaborazione continua con chi realmente si trova sul campo e ogni giorno si impegna per la prevenzione”.

In provincia 5mila infortuni sul lavori, di cui 12 mortali 

I dati Inail continuano a suonare come un bollettino di guerra: le denunce di infortunio sul lavoro presentate dall’Istituto tra gennaio e novembre, come riportano Valiani e Wysocki in una nota, sono state 652.002 (+29,8% rispetto alle 502.458 dei primi 11 mesi del 2021), 1.006 delle quali con esito mortale (-9,9% ovvero 110 in meno rispetto alle 1.116 registrate nei primi 11 mesi del 2021). In aumento le patologie di origine professionale denunciate, che sono state 55.732 (+9,7%, in aumento di 4.928 casi rispetto allo stesso periodo 2021). Entrando nel dettaglio della Regione Lazio sono stati 50.397 gli infortuni (3.629 solo nel mese di novembre 2022) rispetto ai 33.251 del 2021; per quanto riguarda le provincie, a Frosinone sono stati 2.731 (185 a novembre), a Latina 4.975 (363 a novembre), a Rieti 1.334 (89 a novembre), a Roma 38.875 (2.825 a novembre) e a Viterbo 2.482 (167 a novembre). Analizzando i dati Inail delle malattie professionali, altro tema importantissimo che non deve essere sottovalutato, sul dato nazionale di 55.732 per la Regine Lazio si parla di 3.887 con 1.202 cii a Frosinone, 726 a Latina, 324 a Rieti, 1.346 a Roma e 289 a Viterbo.

Gli infortuni con esito mortale, invece, nel Lazio al 30 novembre 2022 sono stati 85 di cui 62 in occasione di lavoro e 23 in itinere e analizzandoli per provincie abbiamo: a Frosinone 14, a Latina 12,a  Rieti 2, a Roma 56 e a Viterbo uno. Dati che comunque ad oggi restano provvisori in attesa di quelli del mese di dicembre 2022.

“La speranza di un vero cambiamento nel 2023”

“Confrontando gli undici mesi del 2021 con il 2022 – spiegano Valiani e Wysocki – si rileva un deciso aumento dovuto non solo ai casi Covid-19 ma anche degli infortuni ‘tradizionali’ in occasione di lavoro ed itinere. Quando inizia un nuovo anno si stila una lista dei buoni proposti, ci auguriamo che tra questi per il Governo ci sia veramente anche quello di agire realmente su questa tematica nazionale di interesse sociale e culturale dove tutti siamo coinvolti. Dal primo aprile 2023 avremo in vigore il nuovo codice appalti, di recente approvazione dal Consiglio dei Ministri, ottimo per velocizzare e sburocratizzare a vantaggio di opere da concludere e quelle da fare, con aumenti di posti di lavoro per 70 mila persone. Un’esortazione che ci auguriamo, oltre che una speranza, è che per la prevenzione sui luoghi di lavoro ci sia una attenzione particolare poiché senza una specifica formazione, redazioni documentali adeguati e specifiche valutazioni del rischio e pericolo, come già abbondantemente previsto dal testo unico vigente, non si comprometta la salute e la vita dei lavoratori. Già abbiamo il bonus 110 è costato in termini di vite umane per una mancanza di verifica dei documenti e la troppa leggerezza nel costituire società e aziende improvvisate nel settore edile, ad esempio. Il nuovo anno è appena cominciato e ci auguriamo – concludono Valiani e Wysocki – che, nel rispetto dei tanti caduti sul lavoro e del dolore di tante famiglie che hanno perso i loro cari, ci sia una vera priorità del Governo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infortuni sul lavoro, numeri drammatici nel 2022: 5mila in provincia di cui 12 mortali

LatinaToday è in caricamento