Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Bufera Urbania, il Pd: “Anomalo il comportamento del Comune”

I consiglieri Porcari, Sarubbo e De Marchis giudicano "inquietante l'atteggiamento dell'amministrazione. Chiederemo al Prefetto di nominare una commissione di accesso agli atti"

Se su Urbania tirano venti di bufera, di certo non va meglio per l’amministrazione comunale. Soprattutto all’indomani dell’interdittiva antimafia che ha colpito la società che gestisce il servizio dei parcheggi a pagamento nel capoluogo pontino e dopo la decisione del Comune di non risolvere il contratto.

E come sempre il dito puntato contro l’Ente di piazza del Popolo è quello dell’opposizione e in particolare quello del Pd. “Appare decisamente anomalo ed inquietante l'atteggiamento assunto dall'amministrazione Di Giorgi nella gestione del caso Urbania – si legge in una nota del partito -. La decisione di continuare nel rapporto con Urbania, senza tener conto della interdittiva antimafia e delle clausole contrattuali, rappresenta l'esatto contrario della tutela dell'interesse pubblico”.

FABRIZIO PORCARI - “L'amministrazione si sta irragionevolmente soffermando – afferma Fabrizio Porcari – nella tutela del Consorzio Urbania, senza prendere in considerazione l'ipotesi di risoluzione contrattuale che appare oggi l'unica soluzione possibile. Infatti, l'atto di cessione del contratto o la vendita di azienda del consorzio ad una sua ex consorziata o altra azienda – continua Porcari - è nullo di diritto perché successivo alla interdittiva prefettizia dell'8 febbraio contro il Urbania (e non una sua consorziata) che di fatto annulla il contratto”.

OMAR SARUBBO - “Alla luce di questo – dice Omar Sarubbo - non si capisce come i dirigenti comunali abbiano potuto valutare positivamente la cessione dell'azienda ad “Urbania Multiservizi”; quanto accaduto è un fatto grave che fa sorgere dubbi inquietanti sulla gestione della cosa pubblica nel Comune di Latina”.

GIORGIO DE MARCHIS - “Davanti all'inerzia dell'amministrazione e alle decisioni anomale dei dirigenti comunali, il Pd si farà carico – afferma Giorgio De Marchis -, per tutelare l'amministrazione ed il bene pubblico, di presentare in Consiglio comunale una mozione per chiedere la risoluzione contrattuale tra il Comune di Latina ed il Consorzio Urbania".

Alla luce della circostanza per cui il Comune prosegue nel rapporto con Urbania il Pd segnalerà alla Prefettura di Latina il caso chiedendo l'invio di una commissione di accesso per valutare il comportamento "anomalo" del Comune.

“Anomalia grave – concludono De Marchis, Sarubbo e Porcari - visto che la stessa amministrazione dichiara, in merito alla risoluzione contrattuale, di essere in attesa del verdetto del Tar Campania, sul ricorso promosso da una consorziata di da Urbania contro il Comune di Aversa, quando questo si è già pronunciato in merito respingendo il ricorso presentato da Urbania e la sua Consorziata il 21 dicembre scorso”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bufera Urbania, il Pd: “Anomalo il comportamento del Comune”

LatinaToday è in caricamento