rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca Aprilia

Un protocollo tra Comune e Arsial per valorizzare il comparto agricolo

L'amministrazione avrà in concessione per la durata di trenta anni gli immobili dell'ex Cef e Coof e l'area di Campoverde. Obiettivo: favorire le eccellenze agricole del territorio puntando a creare un polo di riferimento per l'intera provincia di Latina

Un protocollo d’intesa tra il Comune di Aprilia e Arsial (Agenzia regionale per Sviluppo e Innovazione dell’agricoltura nel Lazio) è stato siglato ieri per favorire le eccellenze agricole del territorio di Aprilia, puntando a creare un polo di riferimento per l’intera provincia di Latina. Il Comune avrà in concessione per la durata di trenta  anni gli immobili dell’ex Cef e Coof e l’area di Campoverde, tutte di proprietà Arsial. Si tratta quindi della formalizzazione di un lavoro di collaborazione, già avanzato, per la riqualificazione economica e produttiva della borgata di Campoverde, orientata secondo la naturale vocazione agricola della frazione di Aprilia.

Il consigliere regionale del Pd Enrico Forte spiega: “Si chiude così un iter che consentirà di dare il via alla valorizzazione dell’economia locale puntando, per i due siti, alla creazione di un polo agricolo a supporto delle realtà agroindustriali esistenti con particolare riferimento alla produzione di kiwi e alla produzione florovivaistica. Una spinta importante-  ricorda Forte - per la  promozione e la tutela delle eccellenze agricole e agroindustriali pontine. Parte integrante di questo percorso sarà anche la valorizzazione  del polo fieristico di Campoverde, storico punto di riferimento per l’economia di Aprilia e per l’intero comparto agricolo della provincia”.

                                                                                                                                                                             

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un protocollo tra Comune e Arsial per valorizzare il comparto agricolo

LatinaToday è in caricamento