rotate-mobile
Cronaca

Lago di Fondi, un protocollo per valorizzare il patrimonio naturale

L'accordo, firmato da Arsial e Provincia di Latina, è volto ad individuare nuove strategie per la tutela dell'ambiente e per la gestione degli ambienti acquatici e delle risorse biologiche

È stato siglato il protocollo d’intesa tra l’Arsial – Azienda regionale per lo sviluppo e l’innovazione dell’agricoltura nel  Lazio, e l’assessorato Caccia e Pesaca della Provincia di Latina per la valorizzazione del lago di Fondi.

Oggi, il lago di Fondi è considerato un monumento del patrimonio naturale della provincia pontina e necessitava di un piano che regolarizzasse e ottimizzasse la gestione delle sue risorse ambientali, come delle attività di caccia e pesca. Con l’accordo firmato nella giornata di ieri, mercoledì 26 ottobre, i due enti si impegnano a collaborare al fine di identificare e applicare una serie di strategie volte alla gestione, nel rispetto degli stessi, degli ambienti acquatici e delle risorse biologiche viventi, basate su principi di sostenibilità, sia a livello ecologico, che economico, sociale ed amministrativo .

L’obiettivo è quello di fornire attrezzature, mezzi, competenze e professionalità tecniche, scientifiche e amministrative al fine di garantire il rispetto dei contenuti del Codice di Condotta per una Pesca Responsabile, pubblicato dalla FAO nel 1995, e delle specifiche linee guida tecniche per la Pesca Responsabile nelle acque interne, marine, salmastre e per l’acquacoltura.

Nello specifico l’Arsial si impegna a promuovere, nell’ambito dei tre anni di attività, la durata del protocollo, il coinvolgimento dei soggetti operanti nel settore per arrivare alla costruzione di un sistema di valorizzazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura, mettendo a disposizione idonea professionalità, anche con il supporto degli operatori del settore presenti sul territorio, per la realizzazione delle attività di ricerca e monitoraggio necessari. Dall’altro lato, la Provincia si impegna ad attuare ogni forma di coinvolgimento con i Comuni, a fornire ogni utile supporto delle proprie strutture e per ogni incombenza di ordine amministrativo e a sostenere ogni attività, sino alla conclusione del progetto, con proprie risorse finanziarie.

Tutela dell’ambiente, preservare la ricchezza del lago, nel più pieno rispetto delle sue risorse, questo è il motivo che ha spinto la Provincia e l’Arsial alla stesura e alla firma dell’accordo; “con questa collaborazione porteremo a casa risultati positivi – ha confida l’Assessore Enrico Tiero –. Questo è solo l’avvio di una sinergia che sarà estesa su altri ambiti per la tutela del nostro territorio”. “Il recupero delle acque è il punto di partenza per il recupero di tutto il lago di Fondi – ha commenta l’assessore di Fondi Maschietto – c’è stato un momento di degrado che il depuratore ha in parte risolto. Ora la qualità ambientale è molto migliorata, restano le sponde da tutelare. La Regione – ha continauo  si è dimostrata sensibile sulla tematica del recupero ambientale e della valorizzazione del lago di Fondi stanziando due milioni di euro per realizzare l’ultima parte di collegamento del depuratore al Comune di Fondi.

L’appalto del collettore è prossimo per completare definitivamente lo smaltimento delle acque». Il protocollo è consultabile sul sito internet della Provincia di Latina nella sezione “home page”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lago di Fondi, un protocollo per valorizzare il patrimonio naturale

LatinaToday è in caricamento