La denuncia: “Lampioni pericolanti e piazza nel degrado a Borgo San Michele”

Segnalazione di Maurizio Marcato e Maurizio Conti delle associazioni Villaggio Capograsso e Amaranto: "A San Michele lo stato di abbandono della piazza è cosa vecchia e risaputa, ma nonostante le tante promesse tutto resta uguale"

Lampioni pericolanti nella piazza di Borgo San Michele: la denuncia arriva da parte dei cittadini che segnalano uno stato di completo abbandono nel centro della frazione del capoluogo pontino.

A richiamare l’attenzione su quanto accade nel borgo sono Maurizio Marcato dell’associazione Villaggio Capograsso e Maurizio Conti dell’associazione Amaranto. “A Borgo San Michele lo stato di abbandono della piazza è cosa vecchia e risaputa, ma nonostante le tante promesse tutto resta uguale. Il punteruolo rosso ha fatto il suo corso ormai da tanti anni e le palme sono diventate un vecchio ricordo, di alberi che adornino la piazza non c’è nessuna traccia, tranne due ulivi frutto di iniziative che hanno significati ben più profondi.

L’erba alta è invece una costante di ogni primavera, quando solo le insistenze dei cittadini nei confronti dell’amministrazione riescono a riportare, dopo qualche settimana, un minimo di decoro, peccato che poi ci sia l’assalto a prendersi merito, perché incredibile a dirsi anche il taglio di un prato diventa un merito politico nell’anno 2014”.

Per quanto riguarda i lampioni pericolanti, la segnalazione è arrivata direttamente al Comune. “Così sabato 2 agosto è stato fatto un piccolo intervento per togliere i pezzi della copertura di un lampione un po’ troppo penzolante, ma nulla di più - spiegano Marcato e Conti in una nota in cui evidenziano “che tutte le parti superiori dei lampioni sono praticamente distrutte, sia per la normale usura del tempo e forse anche per via della forte grandinata dello scorso 18 giugno.

Inoltre la metà di quei lampioni sono praticamente non funzionanti, basta fare un giro di sera in piazza Vito Fabiano per prenderne atto. Ed ancora va segnalato che nella piazza insiste una doppia illuminazione, una più recente con lampioni più moderni e bassi, l’altra invece fornita appunto dai lampioni che meriterebbero una bella manutenzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A chiudere il cerchio - concludono - la rotonda del borgo, un’esagerazione di cemento. In fondo chiedere qualche albero, una manutenzione del verde più costante, una buona illuminazione, non sembrano richieste troppo complesse”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, controlli della polizia: scoperta parrucchiera che lavorava in casa. Denunciata

  • Coronavirus Latina: nel Lazio 2.642 positivi, ma ci sono 24 guariti nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus, Latina piange la morte del ginecologo Roberto Mileti. E' la tredicesima vittima in provincia

  • Terracina, 250 mascherine donate al Comune. Il biglietto: "Dal vostro concittadino Gabriele Orlandi"

  • Coronavirus, l'assessore regionale D'Amato: "Test rapido a tutti gli abitanti del Lazio"

  • Coronavirus: 12 casi in più in provincia, 13 i morti. Ma i guariti salgono a 21

Torna su
LatinaToday è in caricamento