Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Cambio di appalto per la vigilanza armata in procura e tribunale: scongiurati 10 licenziamenti

Accordo raggiunto nella giornata del 30 marzo per la salvaguardia dei lavoratori impiegati da anni nel settore

E' stato raggiunto l'accordo tra le organizzazioni sindacali di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil  e la società Urban Security Investigation srl, subentrata al servizio aggiudicato dalla Procura di Latina. La trattativa ufficiale era cominciata nella giornata di lunedi presso l'Ispettorato territoriale del lavoro di Latina e il primo confronto si era concluso con un rinvio per la giornata di ieri, 30 marzo. 

Uno dei nodi della vertenza sindacali era la perdita di 10 posti di lavoro, quasi tutte persone impiegate da anni. Il caso è approdato anche sul tavolo del prefetto di Latina Maurizio Falco: l'azienda subentrante Usi aveva infatti comunicato che non avrebbe assunto tutto il personale operante presso la procura e presso il tribunale. Poprio per questa ragione è stato organizzato un presidio permanente davanti alla Prefettura

Dopo un'ampia discussione nella giornata del 30 marzo si è però riusciti a raggiungere un accordo che tutela i lavoratori della vigilanza della procura e del tribunaòe.Nell'accordo si prevede il mantenimeno di tutte le condizioni economiche e normative, compresi gli accordi territoriali di settore, come previsto dalla procedura del cambio di appalti. Le guardie giurate continueranno dunque a vigilare gli accessi in procura e in tribunale come fatto per anni, mantenendo lo stesso salario.

Viste le criticita' che avrebbero determinato la perdita dei 10 posti di lavoro impiegati da anni in quell'appalto, abbiamo come categorie sindacali, in un incontro di ieri  gia' programmato in Prefettura, si notiziava S.E. il Prefetto Maurizio FALCO della criticita' occupazionale che si stava concretizzando con il mancato accordo, la quale azienda subentrante USI non avrebbe assunto tutto il personale operante presso la Procura ed il Tribunale, abbiamo raccontato descritto come OOSS le difficolta' dei lavoratori, ieri pomeriggio in PRESIDIO/PERMANENTE innanzi la Prefettura in Pzza della Liberta' i quali hanno atteso sino a tardi l'esito del confronto anche in Prefettura, dopo aver sciolto il PRESIDIO nella tarda mattinata innanzi all'Ispettorato del Lavoro. Tutto è avvenuto con la mediazione della reponsabile dell'Area vertenze dell'Ispettorato del Lazio Giulia Caprì

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cambio di appalto per la vigilanza armata in procura e tribunale: scongiurati 10 licenziamenti

LatinaToday è in caricamento