Allarme sicurezza al Nicolosi, il Codacons appoggia il Comitato: chiesto un incontro al prefetto

La sera del 3 gennaio l'ennesima rissa a colpi di spranghe in via Corridoni e le denunce dei residenti che chiedono maggiori controlli

Solo qualche sera fa l'ennesima rissa al quartiere Nicolosi, con tanto di spranghe, e la nuova denuncia del Comitato dei residenti che chiede maggiori controlli anche tra le palazzine e negli esercizi commerciali della zona. Ora sulla questione sicurezza al Nicolosi interviene anche il Codacons, che annuncia una collaborazione con il Comitato per "affrontare il problema in maniera organica nell'interesse della cittadinanza". 

"Grande scalpore infatti - spiega l'associazione dei consumatori di Latina - ha suscitato in città la notizia dell’ennesima rissa in strada avvenuta nella notte del 3 gennaio. Da anni si susseguono da parte di residenti ed esercizi commerciali le richieste di prevenzione e di maggiore sorveglianza, ma la risposta è stata solo saltuaria e gli episodi illegali sono diventati sempre più frequenti. Come Codacons quindi abbiamo ritenuto doveroso fornire ogni appoggio possibile, anche legale, al Comitato Nicolosi condividendo la sua lotta per la riqualificazione del quartiere".

La prima iniziativa è stata la presentazione al Prefetto, da parte del Comitato, di una richiesta di incontro collegiale alla presenza anche delle forze dell’ordine, per esaminare le misure urgenti da prendere per migliorare per quanto possibile la sicurezza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Coronavirus, Latina e il Lazio in zona arancione: quali i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus Latina, cresciuti i casi di tipo familiare. Al Goretti situazione di “continuativa emergenza”

  • Arma dei Carabinieri, 28 Marescialli della provincia promossi al grado di Luogotenente

Torna su
LatinaToday è in caricamento