Scuole, Medici chiede di differire l’inizio delle lezioni a dopo lo svolgimento del referendum

Il presidente della Provincia a nome dei sindaci: "Costoso e inopportuno effettuare una doppia sanificazione dei locali"

Il presidente della Provincia Carlo Medici ha chiesto alla Regione di differire l’inizio dell’anno scolastico a data successiva allo svolgimento delle operazioni di voto referendario previste per il 20 e 21 settembre prossimi visto che molti istituti scolastici saranno sede dei seggi elettorali.

In una lettera, indirizzata all’assessore alla programmazione scolastica Claudio Di Berardino e per conoscenza al presidente Nicola Zingaretti, Medici sottolinea di parlare a nome dei sindaci della provincia pontina e spiega come la richiesta “non è dettata da ritardi dei lavori per l’adeguamento delle scuole che, grazie al grande sforzo profuso durante la pausa estiva, hanno faticosamente raggiunto gli standard richiesti dalla vigente normativa al fine di conseguire degli obiettivi dimensionali che le aule e gli spazi interni devono possedere perché siano definibili idonei. La presente richiesta - si legge ancora nella nota alla Regione che è l’ente competente a decidere sull’inizio delle attività scolastiche sul proprio territorio - è invece ispirata da criteri di economicità, trovando del tutto inopportuno dover effettuare doppie e costosissime operazioni di sanificazione a pochi giorni dalla riapertura delle attività scolastiche. Chiediamo pertanto, il differimento dell’inizio delle attività scolastiche che, da quanto si apprende, è tema di decisione in altre regioni di Italia prime tra tutte Puglia e Campania che riapriranno il 24 settembre”.

“Crediamo che il differimento richiesto basato in primis sul criterio di economicità che deve connotare l’azione amministrativa di ogni ente locale – sottolinea ancora il presidente Medici - possa garantire anche una migliore definizioni delle problematiche poste a corollario dell’apertura delle attività scolastiche come i temi già indicati dei trasporti e del servizio mense e non solo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

  • Tamponi in farmacia, dove farli a Latina e provincia. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
LatinaToday è in caricamento