rotate-mobile
Cronaca

Ladri di auto in trasferta dal gip: "Abbiamo rubato perchè siamo in difficoltà economica"

Interrogati i tre uomini di San Giuseppe Vesuviano arrestati sabato al termine di un inseguimento. Restano tutti in carcere

Sono stati interrogati questa mattina i tre ladri in trasferta arrestati nella tarda mattinata di sabato al termine di un inseguimento che si è concluso su via del Lido a Latina, nei pressi dell’hotel Garden.

Domenico Romito, Tancredi Antonini e Angelo Lamarca, tutti di San Giuseppe Vesuviano, secondo gli investigatori erano nel capoluogo pontino per rubare delle auto: erano stati avvistati prima a Borgo Piave a bordo di due auto, una delle quali sembra essere stata rubata, poi si sono incontrati in Q5 dove hanno rubato una Fiat Panda a bordo della quale si sono allontanati. Ma gli agenti della Polizia stradale di Aprilia li stavano già controllando e a quel punto è scattato un breve inseguimento sotto gli occhi di numerosi passanti e l’arresto allo svincolo di via del Lido. Stamattina sono stati ascoltati dal giudice per le indagini preliminari Giorgia Castriota ed hanno scelto di rispondere alle domande del magistrato.

Romito, assistito dall’avvocato Moreno Gullì, ha detto che era in compagnia degli altri due per caso ammettendo dunque solo in parte le sue responsabilità mentre Antonini e Lamarca hanno ammesso il furto spiegando di averlo commesso perché si trovano in una situazione di difficoltà economica.

A conclusione dell’interrogatorio il gip ha convalidato e confermato la custodia cautelare in carcere per tutti e tre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri di auto in trasferta dal gip: "Abbiamo rubato perchè siamo in difficoltà economica"

LatinaToday è in caricamento