Assistenza ai disabili gravi nelle scuole, appello al Comune di Latina

La coordinatrice della Gilda Insegnanti di Latina ha incontrato gli assessori Proietti e Ciccarelli. Giovannini: "Intervento urgente per il sostegno specialistico e sanitario"

Un appello lanciato dal sindacato Gilda insegnanti e raccolto dal Comune di Latina. Il caso riguarda l'assenza di operatori socio sanitari e la carenza di personale per l'assistenza specialistica agli alunni disabili gravi non autosufficienti nelle scuole. La coordinatrice provinciale del sindacato Patrizia Giovannini è stata ricevuta dagli assessori all’istruzione e ai servizi sociali, Gianmarco Proietti e Patrizia Ciccarelli, per trovare una soluzione che tuteli sia gli alunni sia il personale docente ed Ata nelle scuole.

Nel corso dell’incontro, il sindacato ha spiegato le competenze dei docenti di sostegno e dei collaboratori scolastici nei plessi e ha chiarito le necessità impellenti che riguardano supporto agli alunni disabili gravi. Gli assessori, dalla loro, hanno dato massima disponibilità ad ascoltare le scuole attraverso i dirigenti pur specificando che non sono previste figure Oos e assistenti specializzati che possano intervenire nella somministrazione di farmaci e nella cura igienica riservata ai disabili non autosufficienti, nella fattispecie in età di obbligo scolastico.

"Nelle scuole, tra l'altro, le stesse figure dei collaboratori scolastici – sottolinea la Giovannini – se non formati né preposti a tali compiti, sono insufficienti anche solo per le funzioni dovute ovvero vigilanza, pulizia dei locali, assistenza di base che non contempla interventi igienici come cambi di biancheria o cure specifiche della persona. Basti pensare che in alcuni istituti comprensivi in sofferenza di personale viene assegnato un solo collaboratore scolastico per plesso, anche in presenza di bambini dai 3 ai 6 anni della scuola dell’infanzia, con difficoltà e disagi che si riflettono anche sul personale docente. D’altro canto il docente di sostegno, laddove viene rispettato il rapporto 1 a 1 con il disabile grave, non può arrivare ad occuparsi della formazione didattico educativa dell’alunno oltre il suo orario di cattedra. Dunque, solo in casi di questo tipo, c’è bisogno di un assistente specialistico o dell’Aec che, senza sostituire l’insegnante nelle sue competenze, continui ad occuparsi dell’integrazione dell’alunno nella comunità scolastica. Qualora invece ci si trovasse dinanzi ad alunni disabili gravi non autosufficienti, accanto a tutte le figure appena citate, occorrerebbe la presenza di un’assistenza specialistica e specializzata adeguatamente formata. Se si chiedesse ai docenti e ai collaboratori scolastici di intervenire in tal senso, quindi nell’igiene personale e nella somministrazione di farmaci, si commetterebbe un errore sostanziale che potrebbe mettere anche a rischio l’intera comunità scolastica; insomma, che ad ogni figura sia rinviata la giusta competenza e che si intervenga socialmente a dare adeguato supporto".

Proprio per questo serve che i servizi sociali dei Comuni si affianchino seriamente alle scuole in tale necessità. "Sarebbe altresì auspicabile – conclude Giovannini – riunire tutti i servizi sociali in un unico ente preposto al reperimento di queste figure, così da snellire tutti gli aspetti burocratici connessi e ad evitare i rimpalli di competenze".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa di nozze con 80 invitati, arrivano i carabinieri: tutti multati

  • Coronavirus, allerta arancione nel Lazio: 795 casi. D'Amato: "Si teme un peggioramento"

  • Coronavirus, contagi inarrestabili. Nel Lazio quasi 600 nuovi casi, in provincia 47 in più

  • Coronavirus, l'ondata non si ferma: 64 nuovi contagi, 21 sono a Latina

  • Coronavirus: altri 49 contagi in provincia. I numeri più alti a Latina, Cisterna ed Aprilia

  • Coronavirus, 543 casi nel Lazio su 15.500 tamponi effettuati in 24 ore. Cinque morti, 112 guariti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento