Venerdì, 19 Luglio 2024
Il caso / Borgo Bainsizza

Allevamento avicolo: il borgo invaso da mosche e odori nauseabondi

Succede di nuovo a Bainsizza, dove l'associazione di residenti "Amici del borgo" denuncia una situazione invivibile a causa della ripresa dell'attività del pollificio

Torna impossibile la vita per i residenti di di Borgo Bainsizza da quando l'allevamento avicolo di via Bufalotto ha ripreso a pieno ritmo la sua attività. La segnalazione arriva da Giuliano Pagura, presidente dell'associazione Amici del borgo, che punta il dito contro l'impianto e chiede che le istituzioni vigilino. 

"L'impianto in questione - spiega il presidente Pagura - è stato già negli anni scorsi oggetto di sequestri da parte della provincia per le precarie condizioni igieniche. Ci sono state prescrizioni volte all'adeguamento degli impianti per la sostenibilità ambientale". Ora i residenti si chiedono se tutto sia stato fatto a norma, se l'impianto è regolare, se vengono effettuati trattamenti. 

La certezza per ora è che parte del borgo è di nuovo invaso da odori nauseabondi ed è popolato da mosche che rendono la vita difficile ai residenti e a chi gestisce attività commerciali. La prova sta tutta in una foto inviata dall'associazione che mostra chiaramente migliaia di mosche chiuse in una trappola installata solo tre giorni fa nei pressi dell'impianto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allevamento avicolo: il borgo invaso da mosche e odori nauseabondi
LatinaToday è in caricamento