menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il caso del cimitero di Latina: il Comune blocca le richieste di Ipogeo

L'amministrazione ha richiesto al concessionario di interrompere ogni iniziativa nei confronti dei cittadini

Passi in avanti sul caso del cimitero di Latina e sulle richieste avanzate da Ipogeo, che gestisce il servizio. Il Comune annuncia che, conclusa la prima fase di ricognizione del complesso rapporto contrattuale con la Ipogeo Latina srl, ha richiesto al concessionario di interrompere ogni iniziativa nei confronti dei cittadini, anche in relazione alla decadenza anticipata delle concessioni, fino a quando non sarà riequilibrato il rapporto della convenzione. 

Questa è la prima conclusione alla quale l’amministrazione è arrivata grazie al delicato lavoro istruttorio svolto sulla convenzione con la concessionaria dei servizi cimiteriali. Con la nota inviata oggi il Comune invita inoltre Ipogeo a partecipare ad un tavolo di trattativa per trovare le migliori opportunità di definizione a tutela dei cittadini.

Il caso era stato discusso il mese scorso con le associazioni dei consumatori. Il punto era legato al regolamento attualmente vigente, che prevede una durata inferiore delle concessioni delle sepolture. Ipogeo ritiene che questo possa essere applicato retroattivamente anche alle sepolture antecedenti all’inizio della gestione avvenuto nel 2009. Sempre secondo il regolamento, le sepolture giunte al 30° anno devono essere rinnovate o concluse con una serie di costi in carico agli eredi dei defunti, pena l’estumulazione della salma. Ora il Comune arriv ufficialmente a a bloccare le richieste di Ipogeo.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento