Crisi economica, i sindacati: "Ora serve un nuovo modello di sviluppo condiviso"

La proposta dei segretari di Cgil, Cisl e Uil per ripartire attraverso una task force tra parti sociali e istituzioni

I segretari di Cgil, Cisl e Uil

Un nuovo modello di sviluppo che includa un sistema di welfare più forte, maggiormente rispettoso dei diritti di cittadini e pensionati e attento a due categorie: donne e giovani. Questa la base di proposta delle segreterie provinciali di Cgil, Cisl e Uil  per rilanciare l’economia pontina dopo la crisi provocata dal Covid. I segretari generali nel corso di una riunione hanno ragionato sulle enormi difficoltà prodotte dall’emergenza sanitaria, sia in riferimento alla tenuta del sistema economico e produttivo della provincia che sull’aggravarsi degli aspetti sociali da questa ingenerati. “Appare palese – spiegano Anselmo Briganti, Roberto Cecere e Luigi Garullo - quanto la crisi inciderà su interi comparti produttivi che in passato hanno determinato i fattori di crescita dell’economia come ad esempio il turismo e il suo indotto, il sistema portuale, il settore alberghiero e della ristorazione mentre ha aggravato la crisi strutturale di settori già in grave difficoltà quali l’edilizia e l’artigianato. Anche settori apparentemente più solidi quali il chimico/farmaceutico o l'agroalimentare hanno vaste possibilità di sviluppo, basti pensare alla necessità di superare la mera produzione per affrontare decisamente anche l’aspetto della ricerca, immaginando uno stretto rapporto tra i laboratori e il mondo accademico per creare veri Poli Universitari che incentiverebbero una formativa alternativa per i giovani”.

Cgil, Cisl e Uil sottolineano inoltre la necessità di debellare piaga del caporalato e dello sfruttamento intensivo, irregolare e sottopagato di parte della manodopera che determinano sul mercato concorrenza sleale soprattutto nel settore agricolo. “E’  indispensabile mutare la cultura organizzativa e logistica investendo su un modello a filiera delle produzioni e delle aziende che privilegi le attività locali e permetta la valorizzazione delle risorse e la loro crescita in loco. In sintesi – spiegano i segretari – ma è altrettanto urgente agire nei confronti delle tante fragilità e incongruenze del nostro territorio. In un modo o nell’altro arriveranno risorse finanziarie provenienti dall’Europa o dallo Stato e sarà determinante la capacità delle Regioni e dei Comuni di mettere a frutto i finanziamenti. Noi pensiamo ad un Piano organico e condiviso di rilancio dell’economia e dell’occupazione, ad interventi più robusti e articolati che garantiscano tenuta e coesione sociale, ma anche ad una rimodulazione dei tributi locali a beneficio di cittadini, pensionati, lavoratori e imprese. Per riavviare l’economia è necessaria, innanzitutto, una profonda opera di semplificazione e sburocratizzazione delle procedure ed è necessario sviluppare le tante vocazioni del territorio, modernizzando tecnologie e metodi organizzativi verso un nuovo modello di sviluppo incentrato sulla green economy. Una delle principali vocazioni del nostro territorio è innegabilmente nel turismo. Turismo balneare con le nostre coste e spiagge e sulle molteplici località di immenso fascino artistico e paesaggistico. La risorsa costituita dal nostro mare è da troppo sottovalutata mentre il corredo di attività che compongono l’Economia del Mare rappresenta un’opportunità importante per la crescita, anche occupazionale a cui va aggiunto il turismo collinare e montano con i tanti storici Comuni e Borghi, con le eccellenze enogastronomiche e la spettacolarità dei Lepini e degli Aurunci con la potenziale offerta di percorsi nel verde, trekking e discipline sportive estreme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anselmo Briganti, Roberto Cecere e Luigi Garullo sottolineano la necessità  di una “regia unica” che metta insieme parti sociali e istituzioni, costruendo una task force per l’economia e il lavoro capace di creare le condizioni per un organico Piano per il lavoro e lo sviluppo che attraverso nuova e qualificata occupazione liberi la provincia di Latina dalle pastoie della crisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus: nel Lazio 1541 nuovi casi e 10 decessi. In provincia il secondo dato più alto di sempre

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus, ancora 124 contagi in provincia e un altro morto. Ottavo decesso in otto giorni

  • Coronavirus Latina, nuovo record: 209 contagi e due morti. I casi sono in 22 Comuni

  • Coronavirus Latina, i contagi continuano a salire: altri 139 casi in provincia. Un decesso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento