menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'immagine di uno degli incidenti stradali avvenuti in provincia

L'immagine di uno degli incidenti stradali avvenuti in provincia

Nel 2019 40 morti sulle strade pontine: i dati dell'Osservatorio sulla sicurezza stradale

Un bilancio comunque tragico, ma gli incidenti con esito mortale sono stati di meno rispetto al 2018. La mappa delle strade più a rischio

Meno incidenti stradali con esito mortale nel 2019 rispetto all'anno precedente. E' uno degli aspetti emersi nel corso della riunione dell'Osservatorio provinciale sulla sicurezza stradale che si è tenuta nei giorni scorsi in Prefettura. L'organismo, presieduto dal prefetto Maria Rosa Trio, ha riunito i vertici provinciali delle forze dell'ordine, il presidente della Provincia Carlo Medici, i sindaci dei comuni pontini, il dirigente della polizia stradale, i rappresentanti della Motorizzazione ivile, l'Astral, l'Associazione familiari e vittime della strada e l'Ufficio scolastico provinciale. Alla luce della direttiva del Ministro dell'Interno sulle iniziative di prevenzione e contrasto dell'incidentalità stradale è stata effettuata un'analisi puntuale del fenomeno  per numero di incidenti, indicazione di morti, feriti, strade interessate, fascia oraria ed età delle persone coinvolte, cause e violazioni contestate.

I sinistri mortali e quelli con feriti

Da un primo esame dei dati è emerso che, nel corso del 2019, si è registrata una diminuzione del numero di incidenti mortali: 37 rispetto ai 51 del 2018, per un totale di 40 morti rispetto ai 54 del 2018. Degli incidenti registrati, 16 si sono verificati nel 1° semestre e 21 nel secondo. Per quanto riguarda invece gli incidenti con feriti, il numero complessivo ammonta a 1.318 sinistri, di cui 667 si sono verificati nel 1° semestre e 651 nel secondo.

Le strade interessate

I dati raccolti hanno poi consentito di indivduare le strade a più alto tasso di incidentalità e la fascia oraria. La Pontina resta l'arteria teatro del maggior numero di incidenti, seguita dalla via Appia, dalla strada regionale Frosinone-Mare e dalla Flacca. La fascia oraria nella quale si è verificato il maggior numero di incidenti risulta essere quella dalle 13 alle 19.

Le cause

Le cause vanno imputate prevalentemente a condotte di guida non conformi alle prescrizioni del Codice della strada, in particolare al superamento dei limiti di velocità. Non mancano però casi di guida sotto l'effetto dell'alcool o di sostanze stupefacenti.

Le azioni di contrasto

Nel corso del vertice dell'Osservatorio, proprio per rafforzare la prevenzione e le azioni di contrasto, si è stabilito di potenziare i controlli sulle principali arterie stradali e soprattutto nei punti di maggiore aggregazione e intrattenimento dei giovani. Le verifiche saranno estese anche alle ore notturne, con il coinvolgimento delle polizie locale. I controlli dovranno essere rivolti in particolare a reprimere comportamenti scorretti alla guida, come l'uso del cellulare, il consumo di alcol o stupefacenti, l'eccesso di velocità e altre condotte che mettono a rischio la sicurezza degli utenti della strada. Per quanto riguarda gli interventi infrastrutturali, il prefetto ha richiamato l'attenzione dei sindaci e degli amministratori presenti, nonché dei gestori delle strade, sulla necessità di adottare opportuni interventi di manutenzione, quali la realizzazione di opere di rifacimento e miglioramento dei piani viari, dell'illuminazione e della segnaletica stradale verticale ed orizzontale, l'installazione di sistemi di dissuasione della velocità (rotonde, bande sonore, dossi), nonchè di rilevazione automatica della velocità in postazione fissa dove consentito, o mobile negli altri casi.

La prevenzione

In un'ottica di maggiore sensibilizzazione delle nuove generazioni si è deciso di riproporre l'iniziativa "Guida la vita", che si è svolta nel 2016 e nel 2017, con l'obiettivo di attuare strategie organizzative e di cooperazione che, partendo dai bambini della scuola primaria, coinvolgano tutti i soggetti, interni ed esterni alla scuola  per attuare un percorso formativo integrato. Per raggiungere l'obiettivo verranno definite con l'Ufficio scolastico provinciale una serie di iniziative di educazione stradale e di informazione sui rischi connessi all'assunzione di alcol e stupefacenti, che si affiancheranno alle azioni della sezione di polizia stradale attraverso  i progetti "Icaro" e "Bici scuola-Giro d'Italia" che nel 2019  hanno visto il coinvolgimento di 6.973 studenti della provincia.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento