rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cronaca

Gestiva una agenzia di riscossione abusiva e intascava il denaro dei contribuenti

Indagine della Guardia di finanza di Latina: una donna è stata denunciata per truffa e esercizio abusivo di attività finanziaria. Vittime decine di cittadini per lo più anziani

Aveva messo in piedi un’agenzia di riscossione del tutto abusiva che le ha consentito di appropriarsi del denaro di molte persone. Ma è stata individuata al termine di un’indagine condotta dai militari del Comando provinciale della Guardia di finanza di Latina e denunciata per truffa e di esercizio abusivo dell’attività finanziaria per i servizi di pagamento.

Gli accertamenti hanno inizialmente preso il via scaturita da autonoma attività informativa svolta sul territorio e poi confluita nella delega di indagine rilasciata dalla Procura della Repubblica di Latina – nei confronti di un’agenzia, operante sotto l’egida di “poste telematiche” e dedita all’attività di riscossione di tributi ma in realtà utilizzata per appropriarsi indebitamente delle somme in buona fede corrisposte dagli ignari cittadini. In tale ambito, sarebbe emerso che la titolare della citata agenzia operante a Latina avrebbe raccolto da numerosi privati, dal 2017 in poi, somme di denaro in assenza delle prescritte autorizzazioni, destinate al pagamento di tributi locali, rilasciando false ricevute di pagamento e trattenendo per sé gli interi importi, non versandoli come in realtà lasciato intendere agli utenti. A seguito di riscontri effettuati presso il Comune di Latina su centinaia di posizioni e l’analisi di documentazione amministrativo contabile, nonché l’effettuazione di accertamenti bancari richiesti e disposti dalla Procura. e l’escussione di numerose persone, a vario titolo coinvolte, sono stati ricostruiti elementi probatori per ipotizzare la commissione di uno strutturato meccanismo di truffa, protratto nel tempo, che ha consentito all’imprenditrice di raccogliere il relativo profitto a discapito di un numero elevato di cittadini, prevalentemente persone anziane. 

Dai minuziosi accertamenti svolti, è stato infatti riscontrato che le somme riscosse, sia a titolo di imposte che per le “prestazioni di servizio” eseguite, non venivano versate al Comune di Latina, nonostante la titolare dell’Agenzia avesse rilasciato false attestazioni di pagamento; in taluni casi, invece, le somme incassate venivano versate parzialmente a favore dell’ente comunale e solo a seguito di rimostranze dei clienti, che a loro volta avevano precedentemente ricevuto avvisi bonari di pagamento delle imposte locali se non addirittura la notifica di cartelle esattoriali. 

La donna è stata quindi denunciata per truffa e esercizio abusivo di attività finanziaria per aver posto in essere l’esercizio abusivo – in assenza delle prescritte autorizzazioni – di attività di servizi di pagamento e delle attività di intermediazione finanziaria svolta nei confronti del pubblico in forma professionale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestiva una agenzia di riscossione abusiva e intascava il denaro dei contribuenti

LatinaToday è in caricamento