Domenica, 21 Luglio 2024
Le indagini dei carabinieri

Si spaccia per il figlio e si fa fare un bonifico da 700 euro

Nella truffa è caduto un cittadino di Cisterna. I carabinieri hanno rintracciato e denunciato la responsabile del raggiro

Una nuova truffa è stata denunciata da un ignara cittadino pontino e ha portato i carabinieri della stazione di Latina Scalo a identificare la persona responsabile. Nel tranello è caduto un 63enne residente a Cisterna, che ha ricevuto un messaggio sul cellulare da qualcuno che dichiarava di essere suo figlio e che aveva bisogno di un urgente bonifico.

L'uomo, credendo al messaggio che segnalava un'urgenza, ha fatto quanto gli è stato chiesto e ha pagato su una carta di credito ricaricabile la somma di 700 euro. Era ovviamente una truffa ma la vittima si è resa conto di tutto solo dopo aver sentito il figlio. A quel punto ha segnalato ai carabinieri quello che gli era successo. 

L'attività investigativa dei militari della stazione di Latina Scalo ha permesso così di risalire al responsabile. Si tratta di una cittadina di 53 anni, residente ad Arzano, in provincia di Napoli, sulla quale ora i carabinieri continuano a indagare per appurare se abbia compiuto altre truffe ai danni di cittadini vulnerabili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si spaccia per il figlio e si fa fare un bonifico da 700 euro
LatinaToday è in caricamento