menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Dirty Glass', il Riesame conferma la custodia cautelare per Iannotta e i carabinieri

Respinti i ricorsi dell'imprenditore e dei due militari dell'Arma coinvolti nell'indagine della Dda di Roma

Resta in carcere l’imprenditore Luciano Iannotta e restano in regime di arresti domiciliari il colonello dei carabinieri Alessandro Sessa e il carabiniere Michele Carfora Lettieri, coinvolti nell’inchiesta ‘Dirty Glass’.

Il Tribunale del Riesame di Roma ha infatti respinto i ricorsi presentati dai legali degli indagati, gli avvocati Renato Archidiacono, Luca Petrucci, Nicola Capozzoli e Giammarco Conca confermando i provvedimenti di custodia cautelare emessi dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma Antonella Minunni.

I giudici della libertà hanno annullato soltanto un capo di imputazione a carico di Iannotta, quello relativo al trasferimento fraudolento di valori di due società a lui riconducibili.

Non è invece ancora stata resa nota la decisione relativa alla posizione di Natan Altomare che nelle settimane successive all’arresto ha parlato a lungo, in due diversi incontri, con i pubblici ministeri titolari dell’indagine Claudio De Lazzaro e Luigia Spinelli, dialoghi i cui verbali sono stati depositati agli atti del procedimento. Altomare, difeso dall’avvocato Pasquale Cardillo Cupo, dopo l’interrogatorio di garanzia, aveva ottenuto gli arresti domiciliari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento