'Dirty Glass', il Riesame conferma la custodia cautelare per Iannotta e i carabinieri

Respinti i ricorsi dell'imprenditore e dei due militari dell'Arma coinvolti nell'indagine della Dda di Roma

Resta in carcere l’imprenditore Luciano Iannotta e restano in regime di arresti domiciliari il colonello dei carabinieri Alessandro Sessa e il carabiniere Michele Carfora Lettieri, coinvolti nell’inchiesta ‘Dirty Glass’.

Il Tribunale del Riesame di Roma ha infatti respinto i ricorsi presentati dai legali degli indagati, gli avvocati Renato Archidiacono, Luca Petrucci, Nicola Capozzoli e Giammarco Conca confermando i provvedimenti di custodia cautelare emessi dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma Antonella Minunni.

I giudici della libertà hanno annullato soltanto un capo di imputazione a carico di Iannotta, quello relativo al trasferimento fraudolento di valori di due società a lui riconducibili.

Non è invece ancora stata resa nota la decisione relativa alla posizione di Natan Altomare che nelle settimane successive all’arresto ha parlato a lungo, in due diversi incontri, con i pubblici ministeri titolari dell’indagine Claudio De Lazzaro e Luigia Spinelli, dialoghi i cui verbali sono stati depositati agli atti del procedimento. Altomare, difeso dall’avvocato Pasquale Cardillo Cupo, dopo l’interrogatorio di garanzia, aveva ottenuto gli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina, cresciuti i casi di tipo familiare. Al Goretti situazione di “continuativa emergenza”

  • Coronavirus, Latina e il Lazio in zona arancione: quali i divieti e cosa si può fare

Torna su
LatinaToday è in caricamento