Spaccio di droga a Campo Boario, processo con rito abbreviato per Santucci

L'uomo, arrestato al Villaggio giornalisti, voleva soppiantare i Di Silvio sulla piazza. Udienza fissata per il 29 maggio prossimo

Ha chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato Candido Santucci, 44enne di Latina finito in carcere il 27 novembre scorso e ritenuto il capo di un gruppo criminale che intendeva conquistarsi l’egemonia dello spaccio di droga nella zona di Campo Boario dopo che il grosso dei componenti del clan Di Silvio era finito in carcere.

Il processo è stato fissato per il 29 maggio prossimo davanti al giudice per l’udienza preliminare Giorgia Castriota: in aula ci saranno anche Benedetto Magnesa e Dmytro Novytskyy, chiamati a rispondere anche loro di detenzione a fini di spaccio. I due erano stati arrestati dagli investigatori della Squadra mobile che avevano anche sequestrato sequestrando alcuni grammi di stupefacenti, insieme a 20mila euro e a diversi arnesi da scasso. Poi erano scattate le manetta anche per Santucci, individuato in un villino del Villaggio giornalisti al mare.  Il collegio difensivo composto dagli avvocati Oreste Palmieri, Sandro Marcheselli e Emanuele Farelli ha chiesto quindi il rito abbreviato per poter beneficiare della riduzione di pena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Coronavirus, arriva l'ordinanza della Regione Lazio: misure di prevenzione e profilassi

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Coronavirus, Regione: “Scuole chiuse nel Lazio e manifestazioni pubbliche vietate? Fake news”

  • Sette etti di cocaina e un revolver nascosti in casa: blitz e arresto della squadra mobile

  • Camionista di Sezze denunciato dai carabinieri a Pordenone: guidava in stato di ebbrezza

Torna su
LatinaToday è in caricamento