rotate-mobile
Cronaca

Coronavirus e ricorso pendente al Consiglio di Stato, slittano di quattro mesi le elezioni degli avvocati

Il Ministero ha accolto la richiesta di Giacomo Mignano rinnovando il suo mandato di commissario dell'Ordine fino a luglio

Slittano di altri quattro mesi le elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Latina. Il Ministro della giustizia ha infatti prorogato il mandato del commissario straordinario Giacomo Mignano fino alla fine di luglio dopo che lo stesso Mignano – nominato il 29 novembre 2019 – aveva segnalato al Dicastero l’impossibilità di rispettare i termini fissati nel decreto di nomina che gli imponevano di indire le nuove elezioni entro la fine di marzo.

Il commissario straordinario nella lettera segnalava due ragioni che ostacolavano l’indizione delle elezioni per il rinnovo dell’organismo di rappresentanza forense: l’impugnazione in sede giurisdizionale del decreto di commissariamento dell’Ordine da parte di alcuni avvocati che contestano l’iter con il quale vi si è arrivati vale a dire le dimissioni di undici dei quindici consiglieri cinque dei quali dichiarati ineleggibili, vicenda sulla quale è chiamato a decidere il Consiglio di Stato che ha accolto la sospensiva ma deve ancora decidere nel merito.

A ciò si è aggiunta l’emergenza sanitaria conseguente al diffondersi del Coronavirus che, scrive Mignano, “preclude la tenuta dell’assemblea elettorale”. Il Ministero ha quindi accolto la richiesta di proroga del suo mandato “riscontrando la necessità di prolungare il suo mandato fino a quando non verranno meno le ragioni preclusive per l’indizione delle nuove elezioni”. Mignano resterà quindi al suo posto per altri 120 giorni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus e ricorso pendente al Consiglio di Stato, slittano di quattro mesi le elezioni degli avvocati

LatinaToday è in caricamento