Mercoledì, 17 Luglio 2024
Le indagini della Finanza

Evasione fiscale e fallimento, sequestro di beni per 7 milioni: immobili, Ferrari e yacht sotto chiave

Nell'ambito delle attività del Nucleo di polizia economico-finanziaria già lo scorso anno si era data esecuzione a un'ordinanza nei confronti sia dell'amministratore di fatto sia del responsabile legale di un’impresa del settore della raccolta e smaltimento dei rifiuti

I fiinanzieri del comando provinciale di Latina hanno dato esecuzione a una misura cautelare reale del sequestro preventivo per un valore di oltre 7 milioni di euro nei confronti di una società di capitali del settore della logistica merci, del suo legale rappresentante pro-tempore e del suo amministratore di fatto. Un'attività investigativa che si inserisce in un contesto investigativo seguito dal nucleo di polizia economico-finanziaria di Latina, che già aveva portato lo scorso anno all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti sia dell'amministratore di fatto sia del responsabile legale di un’impresa del settore della raccolta e smaltimento dei rifiuti, entrambi indagati per bancarotta fraudolenta per aver depauperato il patrimonio di una società in grave dissesto finanziario, mediante un’operazione straordinaria di cessione di ramo d’azienda.

Nel corso delle indagini l’attenzione delle Fiamme gialle, dopo l'esame della documentazione contabile ed extracontabile, si è concentrata sulla destinazione e l’utilizzo delle somme distratte, che ha consentito di individuare pagamenti e spese per oltre 4 milioni di euro sostenute dalla società a beneficio dell’amministratore di fatto per scopi estranei all’attività di impresa e quindi a danno del patrimonio dell'azienda. La distrazione di ingenti somme di denaro ha portato inevitabilmente a una crisi di liquidità che non ha più consentito di adempiere a obbligazioni tributarie, portando anche all'omesso versamento dell'Iva per oltre 3,5 milioni di euro. Il Gip del tribunale di Latina, su richiesta del procuratore aggiunto Carlo Lasperanza e del pm Andrea D'Angeli, ha disposto un sequestro preventivo per equivalente, di denaro e beni, per 7.557.240 euro, considerato profitto dei reati ipotizzati perché pari all'omesso versamento dell'Iva e all'appropriazione indebita di fondi societari. Sotto sequestro somme di denaro dei conti corrente, 19 immobili ubicati a Latina, Roma e Milano, quote societarie relative a sette consorzi, sette autoveicoli tra cui una Ferrari F400 e un'imbarcazione di oltre 16 metri, modello Persching 54. Tutto il patrimonio è riconducibile agli indagati, anche attraverso l'uso di società schermo costituite ad hoc per occultarne la proprietà reale.

L’attività si inserisce infatti nel più` ampio quadro delle azioni svolte dalla procura della Repubblica e dalla guardia di finanza a tutela del corretto impiego delle risorse pubbliche e della legalità economica.

sequestro finanza 17 aprile

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evasione fiscale e fallimento, sequestro di beni per 7 milioni: immobili, Ferrari e yacht sotto chiave
LatinaToday è in caricamento