Servizio di accalappiacani, annullata la gara della Asl: tutto da rifare

Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso della Animal Service: la base di gara di 240mila euro è troppo bassa

Il Consiglio di Stato infatti ha annullato la gara la gara di appalto per il servizio di accalappiacani sull’intero territorio provinciale. La decisione è arrivata nella giornata di ieri quando i giudici hanno accolto il ricorso presentato dalla Animal Service di Latina che aveva impugnato l’aggiudicazione da parte della Asl alla Dog’s Town srl di Caserta sostenendo che il prezzo a base di gara era eccessivamente basso.

L’Azienda sanitaria infatti a ottobre 2018 aveva aggiudicato il servizio per 240mila euro alla unica ditta che aveva partecipato e la Animal Service, il cui primo ricorso era stato dichiarato inammissibile dal Tar e che aveva gestito il servizio fino a settembre 2018, si era rivolta al Consiglio di Stato con un ricorso degli avvocati Chiara e Corrado De Simone e Massimiliano Bruno. Nell’istanza si sottolineava come la cifra proposta fosse eccessivamente bassa per garantire un servizio di buon livello sull’intero territorio provinciale tanto che la precedente gara era stata assegnata per 700mila euro. L’altro fattore determinante è stato il rischio di una drastica riduzione del personale addetto al recupero e al pronto intervento per gli animali visto che dai vecchi nove addetti si sarebbe passati a due. Il Consiglio di Stato ha dunque accolto tale prospettazione e annullato la gara della Asl di Latina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“A quel prezzo – commentano i legali della Animal Service – un operatore economico serio non può espletare il servizio. Il pronunciamento del Consiglio di Stato ha dunque annullato il bando dell’Azienda sanitaria travolgendo – sottolineano ancora i legali – tutti gli atti successivi con conseguente illegittimità della gestione provvisoria affidata in questa fase alla Dog’s Town e l’obbligo di riaffidare il servizio ad un prezzo diverso da quello fissato nel bando annullato e tale da consentire una corretta gestione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus: nel Lazio 1541 nuovi casi e 10 decessi. In provincia il secondo dato più alto di sempre

  • Coronavirus Latina, nuovo record: 209 contagi e due morti. I casi sono in 22 Comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento