rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Cronaca

Maltrattamenti tra le mura domestiche, gli 'ammoniti' scelgono il supporto psicologico

Dopo l'intervento della Questura gli autori delle violenze accettano di partecipare ai corsi curati da un'équipe di professionisti

Proseguono le attività di controllo sul territorio dell’intera provincia da parte della Questura di Latina che questa settimana ha utilizzato 200 volanti in collaborazione con la Polizia stradale e con l’utilizzo delle unità cinofile. Particolare attenzione è stata dedicata ai casi sempre più frequenti di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori. E proprio nell’ambito dell’impegno della Polizia di Stato volto a garantire una rapida tutela alle vittime di atti persecutori o di violenza domestica, il Questore in quest'ultima settimana ha emesso quattro provvedimenti di ammonimento nei confronti di altrettanti autori dei maltrattamenti ai quali è stato intimato di astenersi dal commettere ulteriori atti di molestia o violenza. Tutti sono stati informati della possibilità di intraprendere un percorso trattamentale a cura di una equipe di professionisti, così come previsto dal 'Protocollo Zeus', e tre di essi di loro hanno acconsentito a partecipare ad un ciclo di colloqui nel corso dei quali avranno la possibilità di riflettere e ricostruire le vicende che li hanno indotti a porre in essere i comportamenti violenti, favorendo la consapevolezza del disvalore sociale e della lesività degli atteggiamenti prevaricatori.

Per le altre attività complessivamente sono stati effettuati 798 posti di controllo che hanno portato all’identificazione di 1000 persone e al controllo di 450 veicoli.  Oltre 170 le infrazioni al Codice della strada rilevate, due le autovetture sottoposte a sequestro amministrativo perché sprovviste dell’assicurazione obbligatoria; 9 i documenti ritirati, tra patenti e carte di circolazione. Sono stati inoltre 36 gli extracomunitari controllati per la verifica dei titoli di soggiorno e della regolare posizione sul territorio nazionale.

Gli arresti sono stati 5, di cui 2 per detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti. Nella circostanza sono state sequestrati 45 grammi di cocaina e 90 di cannabinoidi; altri 2 arresti sono stati effettuati in esecuzione di altrettanti ordini di carcerazione emessi dall’Ufficio esecuzioni penali del Tribunale di Latina, uno per i reati di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, l’altro per maltrattamenti in famiglia; infine un ulteriore arresto è stato eseguito in flagranza di reato per tentata estorsione e maltrattamenti in famiglia. Sono state inoltre denunciate 30 persone a piede libero vari reati tra cui minacce, lesioni personali, violenza a pubblico ufficiale, maltrattamenti in famiglia, furto, truffa, guida in stato di ebbrezza alcolica, omessa denuncia di armi e porto abusivo di arma da taglio.

Il Questore ha inoltre emesso quattro avvisi orali nei confronti di otto soggetti ritenuti pericolosi per la sicurezza e la tranquillità pubblica nonché un provvedimento di divieto di ritorno con foglio di via obbligatorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltrattamenti tra le mura domestiche, gli 'ammoniti' scelgono il supporto psicologico

LatinaToday è in caricamento