menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'arte contro la violenza sulle donne: così Latina celebra il 25 novembre

Domani l'inaugurazione delle opere nell'ambito del progetto "Wake up" voluto e promosso dal Centro Donna Lilith

Messaggi contro la violenza sulle donne che campeggiano sulle pareti di alcuni edifici della città di Latina. E' il progetto "Wake up" promosso dal Centro donna Lilith, per affrontare il tema della violenza di genere attraverso un lnguaggio inedito, quello dello street art, e arrivare dritto alle giovani generazioni.  

Tutte le iniziative in programma in provincia

Già completate le opere delle due artiste, Helen Bur e Kariokasi, sui muri delle autolinee, mentre in questi giorni è stato ultimato anche il lavoro di un altro street artist originario di Padova. Si tratta di Tony Gallo, artista versatile e capace di trasmettere tramite i suoi lavori, messaggi di grne impatto sociale e personale, che ha dipinto una grande parete della Casa dello studente di via Villafranca. Uno spazio molto vissuto dai giovani universitari e molto vicino alle altre opere, precedentemente iniziate dagli artisti pontini e dall’artista inglese, nella zona delle autolinee. Il lavoro di Gallo sta suscitando in questi giorni particolare interesse e curiosità tra i vari passanti che  si sono avvicinati all'artista e al cantiere in lavorazione. 

murales autolinee-2

Proprio domani, 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, saranno inaugurate tutte le opere realizzate a Latina. L'appuntamento è alle 12 alla stazione delle autolinee, lato via Giulio Cesare. All'evento parteciperanno il sindaco Damiano Coletta, l'assessore al Welfare Patrizia Ciccarelli, l'assessore alla Cultura Silvio Di Francia, Floriana Favero, dirigente dell'Ufficio immigrazione della Questura di Latina, la presidente del Centro Donna Lilith Francesca Innocenti, il rappresentante degli studenti nel CdA Lazio Antonino Carbonello, insieme a tutti gli artisti coinvolti nel progetto. 

"Un ringraziamento particolare - scrive il Centro donna in una nota - per la concessione delle pareti va al Comune di Latina e ad Alessio Pontillo presidente del consiglio di amministrazione dell’ente regionale per il Diritto allo studio e la promozione della conoscenza, a tutta la LazioDisco e all’Ater di Latina. I cantieri in lavorazione, in questi giorni, sono stati resi possibili grazie alla collaborazione del colorificio “Ard.Raccanello”, per la fornitura dei materiali utili al progetto, la ditta “Califano Carrelli”  e la ditta “Chirizzi Rent” per la collaborazione".

Grazie all'attività delle volontarie del Centro donna Lilith, solo nel corso dell'ultimo anno, sono state quasi 200 le donne aiutate e sostenute, molte delle quali dal nuovo sportello aperto ad Aprilia. Sempre attiva, nel capoluogo, la casa rifugio, che ogni anno ospita decine di donne vittime di violenza, spesso insieme ai propri figli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento