menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Moro: Pradissitto nega tutto, Grenga in silenzio davanti al giudice

Gli interrogatori per l'omicidio del 2010 in largo Cesti in collegamento dalle carceri di Velletri e Pescara

Ha negato qualsiasi coinvolgimento nellomicidio di Massimiliano Moro Andrea Pradissitto, il 31enne raggiunto da ordinanza di custodia cautelare insieme a Ferdinando Ciarelli, detto Furt, 58 anni, Ferdinando Ciarelli, detto Macù, 39 anni e Simone Grenga, 35 anni quali responsabili dell’uccisione avvenuta il 25 gennaio 2010 in largo Cesti a Latina.

Pradissitto, assistito dall’avvocato Geatano Marino, è stato ascoltato questa mattina dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma Francesco Patrone in video conferenza in collegamento con il carcere di Velletri dove è detenuto: il 31enne ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere ma ha voluto rilasciare spontanee dichiarazioni per proclamare la sua totale estraneità all’omicidio che gli viene attribuito. “Già in passato ero stato chiamato in causa per questa vicenda ma io non c’entro nulla” ha detto al giudice.

E’ rimasto invece in silenzio Simone Grenga, ascoltato anche lui in video collegamento dal carcere di Pescara dove sta scontando una condanna: assistito dall’avvocato Luigi Marrandino, il 35enne si è avvalso della facoltà di non rispondere.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    La tradizione in tavola: la Carbonara

  • Cucina

    La tradizione in tavola: la pastiera napoletana

Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento