rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Omicidio di via Palermo, l'avvocato Palumbo sarà ascoltato dalla Corte d'assise

Il professionista, accusato di avere ucciso un ladro a colpi di pistola e averne ferito un complice, ha deciso di deporre in aula

Nuova udienza ieri mattina davanti alla Corte di assise di Latina - presidente Francesco Valentini, a latere Enrica Villani –  del processo per l'omicidio del ladro di via Palermo e il tentato omicidio del suo complice da parte dell'avvocato Francesco Palumbo.

In aula hanno parlato gli ultimi testi della difesa che ha citato alcuni agenti della polizia di cassinoche avevavno seguito alcune indagini su furti messi a segno dalla banda della quale facevano parte Domenico Bardi, la vittima, e Salvatore Quindici, ferito di striscio dai numerosi colpi di pistola esplosi dal professionista pontino che il 15 ottobre 2017 li aveva sorpresi a rubare nell'appartamento del padre. Uno degli agenti ha riferito che a dicembre 2017 si trovava con alcuni colleghi a bordo di una volante che aveva seguito un’auto sospetta, una Fiat Punto e quando avevano cercato di fermare le due persone che stavano per salire sull’auto queste erano fuggite a piedi tanto che gli agenti avevano sparato in aria un colpo di pistola a scopo intimidatorio. Uno dei due era riuscito a scappare – era Quindici – mentre il secondo, identificato poi come componente della stessa banda, era stato fermato. I legali di Palumbo, gli avvocati Tommaso Pietrocarlo e Leone Zeppieri, intendono dimostrare che il gruppo criminale, protagonista di una serie di furti in abitazione non solo a latina ma in numerose altre province del centro Italia, era pericoloso e armato a fronte del fatto che quella domenica pomeriggio quando l'imputato aveva sparato nessuno di loro aveva armi.

L'imputato, che finora non è mai comparso in aula, ha deciso però di farsi ascoltare dalla Corte come richiesto anche dal pubblico ministero Simona Gentile e deporrà nella prossima udienza fissata per il 25 febbraio. Poi si tornerà in aula il 22 aprile per la discussione finale con la requisitoria del pm, e l’arringa dei legali dell’imputato prima che la Corte entri in camera di consiglio per la sentenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di via Palermo, l'avvocato Palumbo sarà ascoltato dalla Corte d'assise

LatinaToday è in caricamento