Piantagione di marijuana nel giardino di casa, condannato a tre anni di carcere

Nel giardino di casa piante alte fino a due metri per un peso complessivo di 25 chili di sostanza stupefacente

Aveva realizzato una vera e propria piantagione di marijuana nel giardino della propria abitazione, questa mattina è stato condannato a tre anni di carcere.

Giuseppe Colongi, 46enne di Latina, è comparso davanti al giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina per rispondere di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il 25 ottobre dello scorso anno nel corso di una perquisizione nella sua abitazione nel capoluogo pontino i carabinieri avevano trovato otto piante di marijuana coltivate nel giardino ciascuna alta oltre due metri, due in fase di essiccazione, alcune confezioni con cime di marijuana per un peso complessivo di 25 chili di sostanza stupefacente oltre al materiale necessario per il confezionamento della droga.

Stamattina la difesa dell’uomo ha chiesto che venisse giudicato con il rito abbreviato: il pm Andrea D’Angeli ha chiesto una condanna a 4 anni ma il gip, a conclusione della camera di consiglio ha ridotto la pena a tre anni di carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Coronavirus Latina, altra impennata: 382 nuovi casi in provincia. Un decesso

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina: sono 119 i nuovi casi positivi in provincia. Un altro decesso

Torna su
LatinaToday è in caricamento