Scoperta maxi frode da 2,8 milioni di euro con un prestanome di Latina

Le indagini della Guardia di Finanza di Pistoia. Quattordici i soggetti coinvolti, compreso un pregiudicato della provincia pontina

Sono 14 le persone coinvolte a vario titolo in una maxi inchiesta della Guardia di finanza di Pistoia per reati tributari, sottrazione fraudolenta di beni e autoriciclaggio. Tra questi, sette sono risultati componenti di un'associazione a delinquere. L'inchiesta ha toccato anche Latina perché, come accertato dagli invetigatori della Guardia di Finanza, per "schermare i principali beneficiari delle frodi" erano stati reclutati prestanome, in particolare due pregiudicati, di Caserta e Latina, entrambi privi di redditi. 

Il Tribunale ha disposto il sequestro ai fini di confisca diretta e per equivalente di somme di denaro, immobili, beni, un complesso aziendale e quote societarie, per un valore complessivo di circa 2,8 milioni di euro. Con base a Montale (Pt), l'associazione criminosa ha operato per preservare due centri di interesse economico-finanziario che operavano nei settori della produzione e commercializzazione di materassi e dell'intrattenimento ludico e sportivo, riconducibili a un imprenditore montalese. Quest'ultimo, con l'obiettivo di far perdere le tracce dei proventi illeciti accumulati, si era spogliato di ogni bene.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sistema ricostruito dagli investigatori della Gdf ha oltrepassato i confini regionali grazie all'apporto fornito da un consulente della provincia di Frosinone che aveva appunto il compito di schermare i principali beneficiari delle frodi, reclutando e gestendo i prestanome per le aziende indebitate da rendere non più operative, né tantomeno rintracciabili per i creditori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa di nozze con 80 invitati, arrivano i carabinieri: tutti multati

  • Coronavirus, allerta arancione nel Lazio: 795 casi. D'Amato: "Si teme un peggioramento"

  • Coronavirus, contagi inarrestabili. Nel Lazio quasi 600 nuovi casi, in provincia 47 in più

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Coronavirus, l'ondata non si ferma: 64 nuovi contagi, 21 sono a Latina

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento