Cronaca

Processo 'Arpalo', ecco come Maietta e Cavicchi gestivano il Latina Calcio

In aula l'investigatore della Polizia ricostruisce i diversi passaggi di denaro nei conti della società sportiva e le operazioni di ricapitalizzazione

Si è parlato soprattutto della gestione del Latina Calcio e dei flussi di denaro che confluivano nei conti della società sportiva nell'udienza del processo 'Arpalo' di questo pomeriggio.

In aula è proseguita l'audizione dell'ispettore del Servizio centrale operativo della Polizia chiamato dal pubblico ministero Giuseppe Bontempo a ricostruire i passaggi di soldi e operazioni di ricapitalizzazione operati da Pasquale Maietta, Paola Cavicchi e Fabrizio Colletti, imputati insieme a Fabio Allegretti, Giovanni Fanciulli, Pietro Palombi, Roberto Noce, Pierluigi Sperduti e Paola Neroni, a vario titolo di riciclaggio transnazionale, bancarotta fraudolenta, trasferimento fraudolento di valori, reati tributari e societari e corruzione, il tutto aggravato dal vincolo associativo.

L'investigatore ha spiegato come la Cavicchi e il figlio fecero il loro ingresso nel Latina calcio nel maggio 2014, poco prima dei play off che la squadra dovevava affrontare per poter accedere alla serie A anche se il legame tra loro era già consolidato visto che nel 2013 Colletti ricopriva già il ruolo di vice presidente del sodalizio sportivo. Era un momento delicato soprattutto dal punto di vista economico e madre e figlio effettuarono due bonifici da 151mila euro ciascuno, poi a distanza di qualche settimana l'operazione di ricapitalizzazione con il versamento di altri 300mila euro da parte di Maietta. Ma appena un anno dopo, nell'agosto 2015 la Cavicchi decide di passare la mano e cede il 95% delle sue quote ad Aprile e il restante 5% allo stesso Maietta. La società aveva un passivo pesante, 3,6 milioni di euro, ed era stato chiesto alla Cavicchi di coprirlo, come emerge da alcune intercettazioni citate dall'investigatore, ma lei si  tira indietro.  In realtà il denaro che affluiva da varie società sotto forma di bonifici, veniva poi rigirato ai soci.

Il processo è stato aggiornato al 21 settembre prossimo per proseguire con l'audizione dell'investigatore che sarà anche controinterrogato dai legali del collegio difensivo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo 'Arpalo', ecco come Maietta e Cavicchi gestivano il Latina Calcio

LatinaToday è in caricamento