rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Il processo

"Ottobre rosso", il patrimonio di Tuma in società e ristoranti

Il processo per estorsione e intestazione fittizia di beni vede sul banco degli imputati anche Mantovano e Grenga, suoi prestanome

Nuova udienza davanti al Tribunale di Latina presieduto da Francesco Valentini del processo a carico di Gianluca Tuma, Gino Grenga e Stefano Mantovano arrestati a novembre 2021 nell’ambito dell’inchiesta della Squadra mobile di Latina denominata ‘Ottobre rosso’ con le accuse di estorsione e intestazione fittizia di beni. In aula è stato ascoltato un ispettore della questura che si è occupato degli accertamenti sui conti e le società del settore ristorazione, cinque in tutto, riconducibili a Tuma e sottoposte a sequestro. L’inchiesta aveva preso il via in seguito alla denuncia di un uomo che avrebbe dovuto incassare sul suo conto due assegni, in realtà riconducibili a Tuma, dell'importo complessivo di circa 7mila euro. La persona che li aveva emessi ne aveva chiesto la restituzione e la loro sostituzione con altri due titoli di pari importo, poi risultati protestati e dunque mai effettivamente incassati.

Da quel momento in poi Tuma e Mantovano avevano iniziato a perseguitare il soggetto, chiedendo la restituzione del denaro attraverso ripetute minacce. L’ispettore ha quindi ricostruito le fasi degli accertamenti patrimoniali e societari su Gianluca Tuma che, nonostante fosse destinatario di una misura di sorveglianza speciale che gli vietava di ottenere licenze e autorizzazioni al commercio, gestiva una pizzeria a Latina, un ristorante a Terracina e uno a San Felice Circeo. Il tutto anche grazie agli altri due imputati che fungevano in molti casi da prestanome.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ottobre rosso", il patrimonio di Tuma in società e ristoranti

LatinaToday è in caricamento