rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Cronaca

Lettera di minacce dal carcere al testimone, parte il processo a Cha Cha

A Costantino Di Silvio viene contestata l'aggravante della modalità mafiosa. Nella lettera al commerciante scrisse: "Grazie per avermi fatto prendere cinque anni in più"

Si è aperto davanti al terzo collegio penale del Tribunale di Latina presieduto da Mario La Rosa il processo a carico di Costantino Cha Cha Di Silvio che deve rispondere di minacce aggravate dalla modalità mafiosa per avere inviato dal carcere dove è detenuto due lettere: una  era indirizzata ad un commerciante del capoluogo pontino che aveva testimoniato nel processo "Don't Touch" per il quale l'esponente del clan di Campo Boario  è stato condannanto in via definitiva a dieci anni di reclusione, l'altra ad una persona estranea al processo. Nel primo caso il destinatario ha presentato una denuncia mentre nel secondo caso la vittima è stata ascoltata a sommarie informazioni. 

I fatti si collocano nel periodo compreso tra il 2020 e il 2021.  Nel messaggio al titolare di un negozio di abbigliamento vittima di estorsione c'era scritto "Grazie per avermi fatto prendere cinque anni in più, ti sei comportato bene" mentre nella seconda "Quando esco ti cerco".  

Dopo che il giudice monocratico davanti al quale era approdato il procedimento ha accolto la richiesta del pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia Luigia Spinelli rilevando la competenza del collegio trattandosi di minacce con modalità mafiose, nell’udienza odierna  il Tribunale ha ammesso le prove, le liste testi e l'esame dell’imputato oltre e delle due persone destinatarie della lettera. I leganli di Costantino Di Silvio, gli avvocati Angelo Palmieri e Gaetano Marino, hanno sollevato alcune eccezioni in particolare sull’acquisizione agli atti del processo della sentenza “Don’t Touch”, così come richiesto dai pubblici ministeri della Dda di Roma, Luigia Spinelli e Francesco Gualtieri, del verbale della testimonianza resa sempre nel corso di quel processo dal commerciante vittima dell’estorsione.

L'udienza è stata aggiornata all'11 ottobre prossimo quando saranno ascoltati i primi testimoni citati dall'accusa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lettera di minacce dal carcere al testimone, parte il processo a Cha Cha

LatinaToday è in caricamento