Rapine in serie a Latina: tutti assolti. Due condanne per l’estorsione per la casa Ater

La sentenza del processo a sette persone accusate di alcuni colpi portati a termine nell’autunno 2017

Un'immagine della conferenza stampa relativa agli arresti del 2018

Rimarranno senza colpevoli le rapine messe a segno nell’autunno 2017 nel capoluogo pontino, tutte nel giro di poche settimane. Il processo a carico delle sette persone individuate come responsabili di quei colpi si è infatti concluso con un’assoluzione mentre due pesanti condanne sono arrivate per estorsione a spaccio di droga.

La sentenza del Tribunale di Latina, nel tardo pomeriggio di ieri, ha condannato Marco Ranieri a nove anni e mezzo di carcere ritenendolo responsabile di un'estorsione e del reato di spaccio di droga e la moglie Katiuscia Oliverio a cinque anni. Assolti invece gli altri imputati: Cristian Caloroso, Cristian Santucci, Manuel Ranieri, Simona Ruisi e Massimiliano Santachiara per i quali il pubblico ministero Valerio De Luca aveva chiesto condanne dai tre ai sei anni di reclusione. Secondo la Procura  Marco Ranieri e Christian Caloroso avrebbero messo a segno la rapina del 29 luglio 2017 alla sala slot “Vlm Time City” di via del Lido. A Massimiliano Santachiara e Simona Ruisi è stata invece attribuito il colpo del 12 ottobre dello stesso anno alla “Slot Sonic Bowling” di via don Torello e ancora Santachiara il 27 ottobre avrebbe rapinato la tabaccheria di via Monte Terminillo, portando via 750 euro e cinque stecche di sigarette e insieme a Christian Santucci e Simona Ruisi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Christian Caloroso e Marco Ranieri erano anche accusati di spaccio di cocaina e Ranieri di estorsione perché avrebbe minacciato di morte un cliente che non aveva saldato un debito di droga. Ancora su Marco Ranieri e sulla moglie Katiuscia Oliverio pendeva l’accusa di estorsione per le minacce a un uomo a cui avevano occupato l’alloggio popolare in via Helsinky. Infine i Ranieri e Caloroso erano accusati di detenzione illecita di due pistole. Ieri però è arrivata una sentenza di assoluzione per tutti i capi di imputazione relativi alle rapine e la condanna per Marco Ranieri a nove anni e mezzo per l’estorsione all’inquilino Ater, una rapina e lo spaccio di droga e per la Oliverio a cinque anni per la stessa estorsione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus Latina: i contagi non si fermano, 84 casi in più in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus, nuovo picco di contagi: sono 75 in provincia, 22 solo a Latina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento