Rapinatore incastrato dalla refurtiva e da un anello, domani l'interrogatorio in carcere

Il 41enne trovato con monete e pacchetti di sigarette portati via dall'alimentari e dalla tabaccheria

Sarà interrogato domani mattina, 20 febbraio, presso il carcere di Latina Giovanni Bernardi, il 41enne arrestato martedì in quanto ritenuto responsabile delle due rapine messe a segno nel giro di appena un’ora nel capoluogo pontino ai danni di un negozio di generi alimentari a Borgo Piave e di una tabaccheria di via Cisterna.

Durante quest’ultimo colpo l’uomo, che era con un complice non ancora identificato, si è accanito sul titolare dell’attività picchiandolo. Molti gli elementi raccolti contro di lui: il ritrovamento di 72 euro in monete e di 25 pacchetti di sigarette di cui era in possesso al momento dell’arresto. Oltre a ciò le telecamere hanno anche ripreso la sua mano con un anello che indossava quando è stato fermato.

Bernardi, che è assistito dall’avvocato Adriana Anzeloni, ha al suo attivo anche una condanna per estorsione aggravata: in questo caso è accusato di rapina aggravata e detenzione di arma, quella con la quale ha minacciato i titolari dei due negozi e con la quale ha colpito il tabaccaio. Domattina l’interrogatorio di convalida da parte del giudice per le indagini preliminari Mario La Rosa.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Tamponi in farmacia, dove farli a Latina e provincia. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Coronavirus, contagi in risalita: 180 casi e ancora quattro decessi in provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento