rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca

Rapine e pestaggi in pieno centro, condannato a tre anni e otto mesi di carcere

Il 24enne Renato Toma faceva parte della baby gang che aveva seminato il terrore tra Santa Maria Goretti, piazza Dante e viale Mazzini

E’ stato condannato a tre anni e otto mesi di carcere per lesioni aggravate e rapina Renato Toma, 24enne di Latina componente della banda di giovanissimi che la sera del 4 giugno 2020 aveva seminato il terrore nel centro di Latina mettendo a segno una serie di aggressioni violente.

Il ragazzo è comparso questa mattina davanti al giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina Giorgia Castriota per essere giudicato con rito abbreviato su richiesta del suo legale.

La notte brava era iniziata a piazza Santa Maria Goretti dove il gruppo di quattro ragazzi, dei quali uno minorenne, aveva tentato di rapinare un coetaneo picchiandolo per prendergli il telefonino senza però riuscirci per la reazione della vittima. La banda si era allora trasferita in piazza Dante, prendendo di mira due ragazzi picchiati utilizzando anche la cintura dei pantaloni e poi era arrivata in viale Mazzini, di fronte al liceo classico, dove si erano appropriata di una bicicletta elettrica nuova e quando il proprietario ne aveva chiesto la restituzione, era stato colpito al volto con la cinghia dei pantaloni e costretto alla fuga.

Il gruppo era stato individuato grazie ad alcune telecamere di sorveglianza e per i tre maggiorenni erano scattati gli arresti domiciliari mentre al minorenne era stata applicata la misura cautelare del collocamento in comunità.

Oggi il processo con rito abbreviato per Renato Toma conclusosi con una condanna a tre anni e otto mesi di carcere così come richiesto dal pubblico ministero Giuseppe Bontempo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapine e pestaggi in pieno centro, condannato a tre anni e otto mesi di carcere

LatinaToday è in caricamento