menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapporti tra clan e politica, Adinolfi (Lega): "Nessun legame con questi personaggi"

Il consigliere comunale e coordinatore provinciale del partito è anche candidato alle prossime elezioni europee

"In riferimento alle dichiarazioni dei pentiti del clan Rom Di Silvio sui presunti legami con la politica di Latina, sottolineo che il mio nome non appare affatto nelle dichiarazioni di Agostino Riccardo pubblicate sulla stampa. Riccardo riferisce invece un colloquio avuto con l’imprenditore Raffaele Del Prete e da qui Repubblica per prima e poi le altre testate locali e nazionali hanno associato il mio nome alle dichiarazioni di Riccardo". Sono le dichiarazioni di Matteo Adinolfi, coordinatore provinciale della Lega a Latina, candidato al Parlamento Europeo, che interviene sulla bufera sollevata dalle carte dell'inchiesta sulla criminalità organizzata di Latina che hanno svelato rapporti tra clan rom e politica.

"Ribadisco - aggiunge - la mia totale estraneità come quella di tutto il partito della Lega, all’epoca Noi Con Salvini, ad ogni rapporto con i clan rom Di Silvio per la compravendita di voti. Né tantomeno il sottoscritto ha mai avuto rapporti con tali personaggi, meno che meno affidandogli personalmente l’affissione di manifesti elettorali nel 2016. La mia storia politica e personale è quanto di più lontano dalla mafia e dalla criminalità: lo ribadisco oggi e lo ribadirò in futuro senza tema di smentite".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento