Cronaca

Quarantuno anni fa la morte di Aldo Moro e Peppino Impastato: il ricordo del Comune di Latina

Il sindaco ha deposto fiori davanti alla targa del militante dell'antimafia e alla statua dello statista vittima del terrorismo

Quarantuno anni fa. Il 9 maggio del 1978 un giorno nefasto per il Paese, il giorno in cui venne barbaramente ucciso Peppino Impastato, il giornalista di Cinisi che denunciò i crimini della mafia locale e il giorno in cui fu rinvenuto a Roma il cadavere di Aldo Moro. Il Comune di Latina commemora questa data e, con un gesto simbolico, ricorda il militante dell'antimafia ucciso e lo statista vittima del terrorismo.

statua aldo moro-2

Il sindaco Damiano Coletta oggi ha deposto un mazzo di fiori davanti al busto di Aldo Moro, nell'omonima piazza, e sulla targa dedicata a Peppino Impastato, ricordando le loro parole: ""Quando si dice la verità non bisogna dolersi di averla detta. La verità è sempre illuminante. Ci aiuta ad essere coraggiosi" (Aldo Moro). "La mafia uccide, il silenzio pure" (Peppino Impastato). 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quarantuno anni fa la morte di Aldo Moro e Peppino Impastato: il ricordo del Comune di Latina

LatinaToday è in caricamento