Rio Martino, bufera sull'incarico ad un legale di Roma da parte del sindaco Coletta

Il commissario dell'Ordine degli avvocati Mignano: "E' una mancanza di rispetto per gli avvocvati pontini"

“Una totale mancanza di rispetto per il foro pontino”. Questo il commento del commissario straordinario dell’Ordine degli avvocati Giacomo Mignano alla notizia del conferimento di un incarico legale ad uno studio di Roma da parte dell’amministrazione comunale di Latina.

La determina in questione ha come oggetto la valutazione della legittimità degli atti relativi al porto di Rio Martino dopo che il Consorzio Nautico di Borgo Grappa ha invitato l’amministrazione ad attivare il procedimento amministrativo relativo “al rilascio delle concessioni demaniali, per un punto di ormeggio presso il canale rio Martino all’esito della Conferenza di Servizi che ha individuato nell’Ente il soggetto competente. Per permettere la fruizione del canale Rio Martino da parte dell’utenza - spiega ancora la determina - è prima necessario valutare l’insieme degli interessi pubblici e privati sottesi alla complessa vicenda storica e giuridica e analizzarne i relativi rischi di contenzioso e le correlate azioni per la tutela dell’interesse pubblico. E’ questo che deve valutare l’avvocato incaricato, come pure le competenze spettanti al Comune, alla luce delle recentissime sostanziali modifiche apportate dalla legge regionale in merito al rilascio della concessione demaniale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’incarico da circa 44mila euro rappresenta un affronto per gli avvocati di Latina. “Penso che il sindaco Coletta – spiega Mignano – poteva ampiamente scegliere tra i professionisti pontini, sarebbe stato doveroso anche alla luce delle difficoltà economiche che la categoria sta affrontando e ritengo anche che ci siano validi professionisti in questo foro in grado di affrontare la questione legale”. Mignano invita il sindaco a rivedere la sua posizione e annullare l’atto scegliendo un avvocato del foro pontino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus: nel Lazio 1541 nuovi casi e 10 decessi. In provincia il secondo dato più alto di sempre

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus, ancora 124 contagi in provincia e un altro morto. Ottavo decesso in otto giorni

  • Coronavirus Latina, nuovo record: 209 contagi e due morti. I casi sono in 22 Comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento