menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La sanità pontina progetta il futuro: studio di fattibilità per il nuovo ospedale di Latina

I dettagli della nuova opera per la quale sono a disposizioni 300 milioni. Ok della Regione allo studio di fattibilità dell'ospedale del Golfo

La sanità pontina guarda al futuro e progetta un sistema di offerte moderno e in grado di accogliere le nuove sfide. L'obiettivo è ridefinire un programma a medio e lungo termine che consenta di dare risposte efficace alle diverse esigenze della popolazione, sia quella dei cittadini che necessitano di cure ospedaliere sia di quelli più anziani che non hanno bisogno di cure di carattere ospedaliero. Così si ridisegna l'assetto della rete ospedaliera, annunciato dal direttore generale della Asl Giorgio Casati, dal direttore sanitario Giuseppe Visconti e dal direttore del dipartimento interaziendale delle Asl di Latina e Frosinone Mauro Palmieri. Si parla dunque del nuovo ospedale di Latina, della rimodulazione delle case della salute, dei Pat, del piano della cronicità e della diagnostica per immagini. Punto di partenza di questo processo sono i due ospedali: il policlinico del Golfo e il nuovo nosocomio di Latina.

Ok della Regione all'ospedale del Golfo

Sul primo punto, come annuncia il direttore della Asl Casati, la Regione Lazio ha comunicato nelle scorse ore il parere favorevole allo studio di fattibilità dell'ospedale del Golfo. "Questa - chiarisce il manager Asl - è una tappa importate su cui programmare i prossimi passi".

Il nuovo ospedale di Latina

Ieri invece c'è stata la delibera sullo studio di fattibilità del nuovo ospedale di Latina, un progetto che parte da lontano e che ora sembra un poì più prossimo alla realizzazione. Il punto di partenza è il progetto presentato dall'Ance lo scorso agosto, che necessita tuttavia di risorse superiori alla somma messa a finanziamento dell'opera. "Dovremmo fare uno studio per capire come quel progetto possa essere ricondotto all'interno della somma effettivamente disponibile - spiega Casati - Non sarà un percorso breve, ma ci consentirà di avere un ospedale moderno che potrà anche riportare all'interno della Asl una serie di funzioni come quella universitaria.

A chiarire i dettagli è il dottor Mauro Palmieri. Per il nuovo ospedale l'azienda sanitaria di Latina ha infatti adottato una delibera per la ricerca di professionisti che dovranno occuparsi proprio dello studio di fattibilità del progetto. Al momento è certo che la nuova struttura sorgerà in un'area dell'amministrazione regionale a Borgo Piave, che l'area di intervento è di 13 ettari e mezzo, con una volumetria di 250mila metri cubi e una superficie di 55 mila metri quadrati, mentre il lotto complessivo edificabile è di 61mila metri quadrati. Si prevedono 524 posti letto, un numero espandibile fino a 600. La somma prevista è di 300 milioni di euro e la Asl di Latina, attraverso la pubblicazione della delibera, è alla ricerca di professionisti per lo studio.

La diagnostica per immagini

Un altro punto toccato nella conferenza stampa di oggi, 11 dicembre, è un altro progetto sul quale c'è già il parere favorevole della Regione e che riguarda la diagnostica per immagini, con l'obiettivo di migliorare la funzionalità delle strutture e raggiungere il pieno utilizzo delle strumentazioni, azzerando così la mobilità passaiva.

Le Usca dalla pandemia alla gestione dei pazienti cronici

Un discorso a parte infine meritano le Usca, le unità sanitarie di continuità assistenziale, che oggi sono occupate nelal gestione dell'emergenza covid e che, una volta lasciata alle spalle la pendemia, potranno essere utilizzate nell'ambito della gestione territoriale dei pazienti cronici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento