rotate-mobile
Cronaca

Rapina in farmacia, la confessione: "Avevo bisogno di soldi per la droga"

L'interrogatorio del 23enne di Formia arrestato mercoledì dopo il colpo a Latina scalo: il ragazzo da detto di fare uso di stupefacenti

Ha confessato di essere stato lui a mettere a segno mercoledì mattina la rapina ai danni della farmacia di via della Stazione a Latina Scalo e ha anche spiegato di fare uso di sostanze stupefacenti.

D.A.A., il 23enne di Formia arrestato poco dopo il colpo dai carabinieri, questa mattina è stato ascoltato dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina Pierpaolo Bortone per l'interrogatorio di convalida. Il ragazzo, assistito dall'avvocato Francesco Buonomini, ha ammesso di essere l'autore della rapina e ha anche aggiunto di fare uso abituale di sostanze stupefacenti, ragione per la quale aveva  bisogno di denaro. A conclusione dell'interrogatorio la difesa ha chiesto che non fosse accolta la richiesta della misura cautelare in carcere, richiesta sulla quale il giudice si è riservato.

Il 23enne, secondo il racconto dei titolari della farmacia, si è presentato all'interno dei locali poco dopo l'apertura con il volto parzialmente coperto e ha estratto un coltello con cui ha minacciato i dipendenti intimando loro di consegnare il denaro. Poi si è allontanato in fretta dalla farmacia ma la sua fuga è durata pochissimo. Pochi minuti dopo infatti l'uomo è stato fermato dai carabinieri e catturato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina in farmacia, la confessione: "Avevo bisogno di soldi per la droga"

LatinaToday è in caricamento