Cronaca

Inchiesta 'Scheggia', revocato l'obbligo di dimora per Gina Cetrone

Accolta la richiesta dell'ex consigliere regionale sotto processo con i Di Silvio per associazione a delinquere finalizzata all’estorsione, illecita concorrenza e violenza privata con modalità mafiose

Nessun obbligo cautelare per Gina Cetrone. Il Tribunale di Latina nei giorni scorso ha accolto la richiesta di revoca dell'obbligo di dimora a carico dell'imprenditrice ed ex consigliera regionale arrestata nel gennaio 2020 insieme all'ex marito Umberto Pagliaroli, Armando Lallà, Gianluca e Samuele Di Silvio nell'ambito dell'inchiesta 'Scheggia' coordinata dalla Dda di Roma che ipotizza nei loro confronti l’associazione a delinquere finalizzata all’estorsione, atti di illecita concorrenza e violenza privata con l’aggravante delle modalità mafiose.

Accolta l'stanza dell'avvocato Lorenzo Magnarelli ora la Cetrone è completamente libera. Per quanto riguarda il processo in conrso davanti al Tribunale di Latina  la prossima udienza è fissata per il prossimo 7 settembre quando il collegio difensivo controinterrogherà il pentito Agostino Riccardo che in aula ha raccontato i suoi rapporti con l'ex consigliera regionale e con il marito con riferimento soprattutto alle affissioni di manifesti elettorali nella campagnaper le amministrative di Terracina del 2016.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta 'Scheggia', revocato l'obbligo di dimora per Gina Cetrone

LatinaToday è in caricamento