Cronaca

Scritte e minacce al liceo Alighieri, il sindaco: "Clima di odio anche tra i più giovani"

L'intervento del primo cittadino Damiano Coletta per esprimere solidarietà alla dirigente scolastica e condannare l'episodio: "Dobbiamo impegnarci per far crescere la cultura del rispetto e della legalità"

Interviene anche il sindaco sull'atto vandalico ai danni del liceo classico Dante Alighieri di Latina, dove questa mattina, 2 novembre, sono state trovate scritte ingiuriose, minacce alla preside e svastiche sulla facciata. 

"A nome personale e di tutta l'amministrazione - dichiara il sindaco Damiano Coletta - esprimo solidarietà alla dirigente scolastica del liceo classico "Dante Alighieri" Eleonora Lofrese. Le scritte ingiuriose rinvenute sui muri della scuola non sono una semplice bravata. Sono la rappresentazione evidente del clima di odio che pervade una parte della nostra società, purtroppo anche tra le generazioni più giovani. Tutti insieme, amministratori e cittadini, dobbiamo impegnarci per far crescere la cultura del rispetto e della legalità e per dare voce ai tanti che credono in una società migliore. La violenza non è soltanto fisica, si può essere violenti anche nelle parole. Da primo cittadino e da genitore spero davvero che gli autori di questo gesto becero possano comprendere che il futuro non si costruisce con la violenza, fisica o verbale che sia, ma con il rispetto, valore irrinunciabile di una società civile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scritte e minacce al liceo Alighieri, il sindaco: "Clima di odio anche tra i più giovani"

LatinaToday è in caricamento