Scuola, la denuncia della Gilda insegnanti: organico di sostegno insufficiente

Alla provincia di Latina attribuito solo un posto degli 86 aggiuntivi assegnati dalla Regione nel Lazio

Insufficiente, rispetto alle reali esigenze della provincia, l'organico di sostegno per il prossimo anno scolastico. La denuncia arriva dal sindacato Gilda Insegnanti: "I posti in organico di diritto attribuiti alla provincia di Latina per il prossimo anno scolastico - si legge in una nota - non sono sufficienti rispetto alle reali esigenze territoriali e non bastano a coprire il fabbisogno delle nostre scuole". La situazione dunque è critica soprattutto per il sostegno, dove a fronte di un aumento del numero degli alunni diversamente abili, passati da 2793 dello scorso anno a 3161 rilevati al mese di aprile 2020, alla provincia di Latina è stato attribuito un solo posto di sostegno degli 86 totali aggiuntivi assegnati alla Regione Lazio. A spiegare la situazione è la coordinatrice del sindacato, Patrizia Giovannini.

La Gilda ha già evidenziato la necessità di adottare misure nuove in vista della situazione di emergenza cui le scuole dovranno far fronte a settembre chiedendo norme urgenti e straordinarie per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19: "Tuttavia gli organici - afferma Patrizia Giovannini - vengono ancora assegnati con norme pregresse, che non tengono conto delle necessità odierne di distanziamento sociale laddove il Dpr 81/09 ammette classi fino a un massimo di 30 alunni".

"Ai tavoli regionali dell’Usr, riuniti in questi giorni - continua la sindacalista - è stata rappresentata la situazione della provincia di Latina mettendo a confronto il dato numerico degli alunni disabili in organico di diritto dello scorso anno rispetto a quello registrato al 21 aprile 2020, anche in rapporto alle altre province del Lazio. Purtroppo non si è voluto seguire un criterio oggettivo di ripartizione dei posti, basato su dati e bisogni reali. Sicuramente l’attribuzione in organico di diritto non è adeguata per tutta la regione anche sui posti comuni, riteniamo però - rimarca Giovannini - che la sola provincia di Latina sia stata decisamente penalizzata rispetto alle altre del Lazio e non ne capiamo i motivi, come non comprendiamo perché non ci sia stato adeguato sostegno alla richiesta di revisione del criterio di assegnazione. Ci auguriamo che tale iniquo trattamento non si ripercuota lesivamente sugli alunni e i docenti della provincia e che il nuovo direttore generale dell’Usr, appena insediato, rispetti l’assegnazione piena e totale di tutti i posti necessari in deroga, alla luce anche della presenza di alunni con gravi disabilità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Coronavirus: nuovi contagi distribuiti nei comuni di Latina, Maenza, Priverno e Cisterna

  • Stagione balneare al via, si torna al mare anche a Sabaudia: tutte le regole e i divieti

  • Coronavirus: nel Lazio solo 12 nuovi contagi, in provincia le vittime salgono a 35

Torna su
LatinaToday è in caricamento