L'ex bar del mercato punto di riferimento dello spaccio: intensificati i controlli

Numerose le segnalazioni dei residenti del quartiere. Domenica un blitz della polizia

E' diventato un punto di riferimento per lo spaccio la struttura abbandonata dell'ex bar dell'area del mercato di via Rossetti. Uno stabile ormai fatiscente, simbolo del degrado, più volte segnalato per problemi di sicurezza e sgomberato, ma che puntualmente torna a mettere in allarme i residenti del quartiere che quasi quotidianamente diventano spettatori della vendita e del consumo di stupefacenti. 

A qualunque ora del giorno le auto si avvicinano, parcheggiano e gli acquirenti scendono per acquistare la merce. Scompaiono per pochi minuti all'interno dello stabile per poi risalire in auto e andare via. Il traffico è documentato da foto e video e numerose sono state, nel corso dei mesi, le segnalazioni inviate al Comune, alla polizia locale e alla Questura. Pochi giorni fa i primi risultati, con un blitz della polizia all'interno della struttura, che tuttavia non ha avuto un esito positvo. E così, dopo alcune ore, gli spacciatori sono tornati al loro posto.

L'ex bar del mercato rappresenta uno dei punti più critici della città, insieme allo stabile dell'ex stallino di via Montebello e all'area abbandonata al degrado di via del Metano. La situazione è stata recentemente discussa nell'ambito di un tavolo tra amministrazione comunale e forze dell'ordine. L'obiettivo primario è ora intensificare i controlli e poi programmare una bonifica integrale dell'area. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Banda dei furti seriali, l'accusa chiede condanne per oltre 57 anni di carcere

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

  • Avvicina una commessa e la palpeggia: lei urla e lo mette in fuga. Arrestato

  • Ordinano condizionatori e pagano solo l'acconto: la merce era in un deposito in provincia di Latina

Torna su
LatinaToday è in caricamento