rotate-mobile
Cronaca

"Bastardo, infame": mesi di minacce e insulti al vicino di casa. Poi scatta il divieto di avvicinamento

Una coppia residente nel quartiere Nicolosi indagata per stalking. Lo aspettavano davanti la sua abitazione e hanno anche tentato di investirlo con l'auto

Insulti e minacce di ogni genere compreso un tentativo di investimento con l’auto. Lo stalking è andato avanti per un paio di mesi nella cornice del quartiere Nicolosi dove una coppia di stranieri ha letteralmente perseguitato un altro residente della zona che tra luglio e agosto ha presentato una serie di denunce alla Questura fino a quando il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina Giuseppe Cario non ha emesso una ordinanza con divieto di avvicinamento alla vittima per i due molestatori che sono stati iscritti nel registro degli indagati per stalking.

Si tratta di un uomo di nazionalità tunisina e di una donna marocchina, che abitano in via Corridoni, che per settimane hanno aspettato la vittima, marocchino che vive a poca distanza da loro in via Grassi, per molestarlo e rivolgergli ogni genere di insulto. “Sei un bastardo… sei un infame”, “Sei un fr…”, frasi alle quali si è aggiunta la minaccia di violentare la madre e poi, passando ai fatti concreti, un tentativo di investirlo con l’auto. L’uomo si è ricolto alla Polizia denunciando ogni singolo episodio a partire dai primi di luglio. Nonostante ciò le minacce non si sono interrotte e alcuni giorni fa il sostituto procuratore Marco Giancristofaro ha chiesto ed ottenuto dal gip Cario un provvedimento di divieto di avvicinamento a carico della coppia accusata di stalking.

Questa mattina in Tribunale i due sono comparsi davanti al giudice Cario per l’interrogatorio di garanzia ma hanno scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere. L’ordinanza resta dunque in vigore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Bastardo, infame": mesi di minacce e insulti al vicino di casa. Poi scatta il divieto di avvicinamento

LatinaToday è in caricamento