Cronaca

Fallimento della Terme di Fogliano spa, 14 persone indagate per bancarotta

Si tratta di ex presidenti, ex consiglieri di amministrazione e ex revisori dei conti le cui azioni avrebbero determinato la fine della società

Giro di boa per l’inchiesta avviata dalla Procura della Repubblica sul fallimento della società Terme di Fogliano. Il sostituto procuratore Claudio De Lazzaro ha inviato l’avviso di chiusa inchiesta a 14 persone iscritte nel registro degli indagati per bancarotta.

Si tratta di ex presidenti, consiglieri di amministrazione e revisori dei conti succedutisi nel corso degli anni che avrebbero determinato la fine della spa dichiarata fallita dal Tribunale a dicembre 2017: Vittorio Raponi, Alessandro Novaga, Enrico Cecchini, Florindo Donatucci, Salvatore Apostolico, Franco Mansutti, Savarino Morelli, Adriano Verdesca Zain, Paolo Marini, Paride Martella, Salvatore D’Amico, Luigi Natalino Carabot, Vincenzo Loreti e Romeo Emiliozzi.

Gli accertamenti sono risaliti indietro nel tempo fino al 1991 e sono state ricostruite le fasi di vita della società - della quale facevano parte il Comune di Latina come socio di maggioranza e per la parte residua l’amministrazione provinciale di Latina e dalla Camera di Commercio – per arrivare fino al fallimento. Otto i capi di imputazione contestati ai 14 indagati i cui comportamenti secondo la Procura hanno inevitabilmente portato al collasso la Terme di Fogliano spa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fallimento della Terme di Fogliano spa, 14 persone indagate per bancarotta

LatinaToday è in caricamento