menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Traffico di droga dall'Africa all'Italia, l'eroina affidata a una rete di pusher: un arresto anche a Latina

Ai domiciliari un 50enne del capoluogo già alle forze dell'ordine e indagato per falsa testimonianza in Don't Touch

C'è anche un uomo di Latina tra i 16 arrestati nell'ambito dell'operazione condotta dai carabinieri di Santa Maria Capua Vetere, che ha portato a smantellare un'organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di droga. Si tratta di Benvenuto Toselli, 50 anni, finito ai domiciliari, uno dei due italiani agli arresti insieme a 14 cittadini della Nigeria e del Ghana che gestivano l'importazione dell'eroina dall'Africa all'Italia. 

Il ruolo del 50enne di Latina era quello di pusher. Secondo le indagini dei carabinieri, l'uomo acquistava lo stupefacente dagli extracomunitari che gravitavano nella provincia di Caserta per poi rivenderlo nella zona pontina. Si tretterebbe dunque di una posizione marginale rispetto a quella dei trafficanti che si occupavano della gestione delle partite di eroina e del loro trasporto attraverso i corrieri. Epicentro del traffico di droga era Castel Volturno, dove operava uno dei promotori, il 36enne Solomon Mbam, con solidi contatti con un altro importante trafficante africano, residente in Ruanda. I due, secondo gli investigatori, avrebbero fatto arrivare in Italia centinaia di chilogrammi di eroina, che poi veniva lavorata e raffinata e affidata appunto ai pusher sparsi nel resto del Paese e in particolare nelle province di Caserta, Latina, Roma, Palermo, Firenze. 

I nigeriani, per scegliere i corrieri e trasportare la droga, si rivogevano spesso a un mago che doveva stabilire se era giusta la scelta dei corrieri e la loro nazionalità. Il santone doveva anche pregare perché il viaggio andasse a buon fine e il corriere arrivasse in Italia "sano e salvo", cioè con il carico ancora intatto. 

Benvenuto Toselli, personaggio già noto agli archivi delle forze dell'ordine, è imputato nel processo Don't Touch con l'accusa di falsa testimonianza per aver denunciato un pestaggio e poi ritrattato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento