rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Truffa al sistema sanitario con il Viagra, in aula un imputato racconta

Processo in udienza preliminare per tre delle persone arrestate con l'accusa di associazione a delinquere

Ha preso il via questa mattina davanti al giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina Mario La Rosa il processo a carico di alcuni degli imputati dell’inchiesta Blue Wish che aveva portato nel maggio dello scorso anno all’arresto di sette persone accusate a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni del Servizio sanitario nazionale.

Secondo l’accusa gli imputati, si sarebbero appropriati di ricettari medici autentici con la compiacenza di un medico di base e nella compilazione di impegnative a carico di ignari anziani pazienti ai quali veniva attribuito falsamente un codice di esenzione totale proprio degli invalidi di guerra: i farmaci in questione erano quelli  per la cura della disfunzione erettile come il Viagra che venivano poi rivenduti a prezzo ridotto.

Nell’udienza di questa mattina il gup ha ascoltato Michele Rivignano Vaccari che, assistito dagli avvocati Francesco Vasaturo e Oreste Palmieri, ha scelto il rito abbreviato. L’uomo ha ammesso le sue responsabilità e si è anche soffermato sul ruolo degli altri indagati. L’udienza proseguirà il 17 maggio quando sarà esaminata la posizione degli altri due che hanno chiesto il rito abbreviato,  Ilenia Marconi e Francesco Sodano mentre Sonia Battisti ha patteggiato la pena di 2 anni e otto mesi. Il medico di Sezze Enzo Ricci, Carolina De Bonis e Remo Callarinci hanno scelto invece il rito ordinario con giudizio immediato come richiesta dalla Procura e il processo a loro carico è in corso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa al sistema sanitario con il Viagra, in aula un imputato racconta

LatinaToday è in caricamento