Passa con il rosso e rifiuta di fare l'alcol test, l'ex consigliere Malvaso svolge lavori utili in Provincia

Ma sul caso arriva la reazione dell'Associazione Familiari e Vittime della Strada: "Fare fotocopie non ha una funzione riparativa rispetto al reato commesso"

L'ex consigliere Malvaso e il suo legale

Era stato fermato alcuni mesi fa da una pattuglia dei carabinieri mentre era alla guida della sua auto, dopo essere passato con il rosso. Ha rifiutato di sottoporsi all'acol test ed è stato denunciato. Protagonista l'ex consigliere comunale di Latina Vincenzo Malvaso, già condannato in primo grado per la vicenda legata alla variante di Borgo Piave. L'ex politico e costruttore del capoluogo, a processo anche per l'inchiesta Olimpia, in attesa che venga celebrato il processo d'Appello proprio per la variante di Borgo Piave è riuscito ad evitare nuove complicazioni e ha chiesto e ottenuto la "messa alla prova" svolgendo un lavoro socialmente utile. Su richiesta dei suoi legali, l'ufficio penale lo ha affidato alla Provincia, dove Malvaso dovrà recarsi una volta a settimana lavorando negli uffici, come misura alternativa per la definizione del procedimento.

Sul caso arriva però la pronta reazione dell'associazione "Familiari e Vittime della Strada basta sangue sulle strade Onlus". "Malvaso ha ricorso alla sospensione del procedimento penale scegliendo la strada alternativa dei lavori di pubblica utilità - commenta l'associazione - Ci chiediamo però come mai nessuno degli attori coinvolti, dal legale all’Uepe al giudice, non abbia pensato o ritenuto opportuno affidarlo alla nostra Associazione in virtù della convenzione firmata con il Ministero della Giustizia e di una sede attiva a Latina. L’opportunità di recupero e rieducazione concessa dalla giustizia riparativa prevede che il ravvedimento sia svolto presso un ente o un’associazione no profit. Si tende quindi a scegliere una struttura che abbia tematiche vicine al reato che si è commesso, per dare un maggior valore al percorso di riparazione anche nei confronti della collettività. Fare fotocopie, sebbene sia un lavoro nobilissimo ed utile per un ente come la Provincia, di certo non ha la funzione riparativa che avrebbe l’andare alle due di notte a distribuire alcoltest fuori dalle discoteche, come fanno gli utenti che svolgono lavori di pubblica utilità con la nostra Associazione in molte città d’Italia. Ancora una volta si è pensato che la giusta collocazione per un politico fosse un ente pubblico, anziché farlo scendere in piazza per essere d’aiuto ai suoi concittadini". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus Latina, nuovo record: 209 contagi e due morti. I casi sono in 22 Comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento