Cronaca

Latitante preso a Formia: le indagini sui possibili appoggi di Filippo Ronga

Nel centro del sud pontino, dopo una sparatoria è finita la latitanza del 42enne ritenuto affiliato al clan Ranucci: l’attenzione dei carabinieri concentrata ora sui possibili appoggi o gli affari che potrebbe aver avuto nella zona di Formia

Vanno avanti le indagini dei carabinieri anche dopo la cattura del latitante Filippo Ronga, arrestato nella serata di venerdì 12 gennaio a Formia dopo una sparatoria in cui è rimasto anche ferito.    

Ricercato dal 2013 e destinatario di due ordinanze di custodia cautelare in carcere, il 42enne ritenuto affiliato al clan Ranucci di Sant’Antimo, ha visto così finire la sua latitanza nel quartiere Castellone del comune nel sud pontino. Da tempo i carabinieri gli stavano dando la caccia e le ricerche hanno portato a Formia dove è stato catturato dai carabinieri Nucleo operativo della compagnia di Giugliano. 

L’operazione, gli arresti e l’arma sequestrata

Tutto è accaduto nel cuore di Castellone, in piazza Sant’Erasmo: Filippo Ronga era con due giovani, a quanto si apprende il nipote e la ragazza, entrambi poi arrestati, quando è stato intercettato dai carabinieri che hanno tentato di bloccarlo. Ronga a quel punto si sarebbe divincolato per cercare la fuga, dando vita ad una colluttazione; secondo la ricostruzione, avrebbe tirato fuori una pistola e a quel punto uno dei militari avrebbe esploso alcuni colpi che lo hanno ferito al torace e ad una gamba. Sequestrata dai carabinieri l’arma che il 42enne aveva con sè, una semiautomatica Tanfoglio, poi risultata con matricola abrasa, carica e con il colpo in canna.

I possibili appoggi di Filippo Ronga

Gli accertamenti dei carabinieri sono ora concentrati sui possibili complici che potrebbero aver aiutato Filippo Ronga nella sua latitanza. Sui possibili appoggi o gli affari che potrebbe aver avuto nella zona di Formia e che lo hanno portato nel centro pontino dove alla fine è stato invece catturato dai carabinieri che da tempo ormai erano sulle sue tracce. Ancora da chiarire da quanto tempo il 42enne latitante fosse proprio a Formia e se, come emerso in queste ore, lui o i due ragazzi che erano con lui avessero da poco preso in affitto una casa nei pressi di piazza Sant’Erasmo. 

Filippo Ronga si trova ora ricoverato e piantonato in stato di arresto all’ospedale di Formia dove venerdì sera, ferito, è stato trasportato dopo la cattura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latitante preso a Formia: le indagini sui possibili appoggi di Filippo Ronga

LatinaToday è in caricamento