rotate-mobile
Cronaca

Operazione Rail Action Day: controlli della polizia ferroviaria nelle stazioni del Lazio

Il bilancio complessivo delle attività di monitoraggio condotte nelle giornate del 26 e 27 giugno

Sono 1120 persone identificate, due gli arresti, tre le persone denunciate; 144 le unità impiegate nelle attività di controllo nelle stazioni ferroviarie; 131 i treni scortati e 167 i bagagli controllati. E' il risultato delle attività compiute nelle giornate del 26 e 27 giugno dagli operatori della polizia di Stato in servizio presso il compartimento di polizia ferroviaria per il Lazio nell’ambito dell’azione di controllo straordinario disposta dal servizio di polizia ferroviaria su scala internazionale denominata “Rail Action Day Active Shiedl” finalizzato ad attivare contemporaneamente in tutti i paesi aderenti, controlli preventivi a viaggiatori e relativi bagagli, presenti a bordo dei convogli ferroviari, in particolare quelli ad alta velocità ed internazionali,  nonché all’interno delle stazioni più importanti.

L’attività di prevenzione e repressione dei reati di tipo predatorio ha permesso agli agenti della squadra di polizia giudiziaria di arrestare un cittadino marocchino che, nelle primissime ore del mattino del 26 giugno, transitando per una via adiacente la stazione Termini   trascinando velocemente un trolley, ha suscitato dei sospetti nei poliziotti che hanno quindi deciso di effettuare un controllo approfondito. Alla richiesta degli agenti, l’uomo, con fare nervoso, ha prima mostrato una carta di identità e poi una patente di guida emessi dalle autorità francesi. Proprio il particolare comportamento tenuto dallo straniero ha indotto però i poliziotti ad approfondire ulteriormente gli accertamenti. Infatti la carta di identità esibita è risultata oggetto di un furto commesso lo scorso anno e contraffatta con falsi dati relativi ad un cittadino francese. In realtà l’uomo era un cittadino del Marocco di 27 anni, arrestato per possesso di documenti falsi e posto a disposizione dell’autorità giudiziaria romana.

E’ invece di origini libiche il 38enne arrestato ieri all’uscita della stazione Termini di via Giolitti. L'uomo era stato notato mentre si avvicinava ad uno zaino di proprietà di due anziani turisti stranieri che erano in attesa dell’autobus diretto all’aeroporto di Ciampino. Con mossa fulminea, approfittando della ressa di viaggiatori in transito, ha aperto abilmente lo zaino e ne ha prelevato un telefonino ma è stato subito bloccato dai poliziotti e tratto in arresto per furto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione Rail Action Day: controlli della polizia ferroviaria nelle stazioni del Lazio

LatinaToday è in caricamento